Spacca tavolo di vetro e minaccia operatori 118 con le schegge

Ennesima aggressione ai danni del personale sanitario. Stavolta è avvenuta a Pozzuoli dove il personale di un’ambulanza è stato minacciato con delle schegge di vetro.

A segnalare l’accaduto è l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate, presieduta da Manuel Ruggiero, quest’ultimo vittima assieme all’equipaggio del 118 dell’aggressione: “Sono stati dei momenti di tensione – racconta Ruggiero – soprattutto quando l’uomo ci ha rincorso, minacciando di lanciarci il tavolo di vetro addosso. Per poco la situazione non si è trasformata in tragedia. Il mio pensiero è stato solo quello di correre più lontano possibile dalla abitazione del paziente. Ringrazio la Polizia di Stato per il suo aiuto”.

L’episodio, secondo quanto raccontato da Nessuno Tocchi Ippocrate, sarebbe avvenuto in via Montenuovo Licola Patria, a Pozzuoli. Sul posto erano arrivati due equipaggi del 118 con ambulanza e auto medica, “allertati per agitazione psicomotoria”.

“Sul posto era già presente la polizia di stato. Il paziente, un uomo sulla 50ina, era nel suo giardino e urlava ai poliziotti di uscire dalla sua proprietà privata. A quel punto, il personale del 118 e la polizia cercano di avvicinarsi, ma l’uomo prende un grosso tavolo di vetro, prima minaccia di lanciarlo contro i sanitari e successivamente lo infrange a terra, raccoglie due enormi schegge appuntite e le punta verso gli equipaggi. Naturalmente tutti si mettono in sicurezza al di fuori del giardino. Dopo diversi minuti di condotte magistralmente dalla polizia, si riesce ad avvicinare l’uomo, a bloccarlo ed a sedarlo. Dopo pochi minuti (tempo di effetto del farmaco) diventa mansueto e collaborante e viene condotto all’Ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, con 2 volanti di scorta”. – scrive l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate in un post su Facebook.

“Non si può più indugiare oltre. Servono provvedimenti seri e decisi prima che accada qualcosa di davvero grave. Certi soggetti non possono sempre passarla liscia ogni volta. I violenti devono andare in galera e quando si tratta di soggetti instabili devono essere curati in strutture adeguate e non essere liberi di far male a sé stessi e agli altri. All’associazione Nessuno tocchi Ippocrate e al suo presidente, da sempre in prima linea nel denunciare le violenze e le aggressioni, esprimiamo la nostra piena solidarietà. “- ha dichiarato il deputato dell’alleanza Verdi- Sinistra Francesco Emilio Borrelli.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 94501 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!