Teverola. ‘Viola obblighi’: Barbato scrive al Prefetto per il caso Martino

“Non ci è ancora pervenuta alcuna comunicazione da parte della Presidente del Consiglio comunale, avv. Amelia Martino, sulla convocazione dell’Assise in seduta straordinaria. Un compito per cui, la suddetta, si era riservata la facoltà di decidere ‘in tempi stretti'”. Lo scrive, in un post, il sindaco Tommaso Barbato che annuncia una missiva inviata al Prefetto.

“Di fronte ad un atteggiamento che continua a manifestare personalismi mai risolti e pretestuosi, mettendo da parte i fondamenti di neutralità e imparzialità che si richiedono per il rivestimento di questo stimato ruolo istituzionale; in qualità di primo cittadino ho invitato e difficato assieme ai Consiglieri di maggioranza la Presidente del Consiglio comunale richiedendo urgentemente la convocazione di una seduta pubblica in sessione straordinaria, avendo – questa volta- cura di inserire all’ordine del giorno i seguenti argomenti improcastinabili per il legale svolgimento della macchina amministrativa: – Surroga consigliere comunale; – Commissione elettorale comunale: sostituzione componente supplente dimissionario; – Nomina revisore dei conti; – Nomina Vicepresidente del Consiglio; – Adesione all’ANCI; – Adesione all’ASMEL; – Verifica Commissioni, comitati e altri organi collegiali; – Mozione di sfiducia Presidente del Consiglio comunale”.

“Data l’illegalità del comportamento adottato dalla Presidente, la quale ha violato precisi obblighi connessi al Suo ufficio comprimendo illecitamente le prerogative previste dallo Statuto e dal regolamento comunale, l’amministrazione Barbato ha ritenuto notificare dell’atto anche il Prefetto di Caserta”.

Intanto, in merito alle recenti svolte in seno al consiglio comunale, il capogruppo di Teverola Città Fertile Dario Di Matteo ha chiesto una conferenza dei capigruppo.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 93509 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!