Naso, zigomi, labbra: il nuovo trend è il restyling d’insieme

Non solo un ritocco di naso, palpebre o labbra. Il segreto per un nuovo volto giovane e fresco è il restyling d’insieme. Il nuovo trend in vista dell’inverno si chiama ‘panprosoplastica’, un rimodernamento completo del viso in grado di assicurare in un colpo solo sguardo accattivante, sorriso sensuale e qualche anno in meno.

“La tendenza per un cambiamento radicale del proprio aspetto sta mettendo le radici tra i nostri pazienti, e questo è legittimo se la richiesta chirurgica, pur essendo multipla, rimane conservativa, permettendo comunque un risultato complessivo gratificante e non stravolgente- afferma il professor Daniele Spirito, specialista in Chirurgia plastica a Roma e Como e docente presso la Scuola di specializzazione in Chirurgia plastica dell’Università di Milano– Le richieste puntano sulla rinoplastica legata alla blefaroplastica con aggiunta di cantopessi, protesi facciale zigomatica per colmare l’assorbimento osseo inevitabile con il passare del tempo o lipofilling. Il punto di partenza deve essere però sempre il lifting, in particolare il minilifting composito, in grado di ringiovanire il volto di circa dieci anni”.

Il minilifting composito è un’innovativa tecnica di lifting facciale meno invasiva e più duratura di un lifting classico, che agisce su collo, guancia e zigomo, con rischi di complicanze ridotti e un recupero più rapido. Si effettua una piccola incisione davanti al padiglione auricolare e si procede a uno scollamento di 5-6 cm del sottocute. Da qui si fa ingresso nei piani profondi e i tessuti si riposizionano verso l’alto. L’esposizione è minima, la cicatrice quasi invisibile.

L’operazione viene eseguita in anestesia locale con sedazione in regime di day hospital. L’intervento dura circa un’ora e il post operatorio prevede solo 24 ore di bendaggio e 4 giorni di medicazione adesiva. I punti di sutura sono rimossi dopo 7 giorni. Il recupero è velocissimo e non ci sono lividi, con il risultato di un viso di molto ringiovanito.

“Se il minilifting composito rinfrescherebbe il viso, una rinoplastica parziale (con ingresso all’interno del naso) correggerebbe la punta dandogli la giusta definizione e una blefaroplastica con eventuale cantopessi modificherebbe la forma delle orbite cancellando le borse- prosegue l’esperto- Si può poi aggiungere una protesi facciale zigomatica, che va a colmare l’assorbimento osseo causato dal trascorrere del tempo donando gioventù, oppure un lipofilling zigomatico che agendo nel sottocute dona bellezza. Da non trascurare poi è la consistenza delle labbra. In questo modo il volto riacquista vigore, contrastando la caduta di guance, naso e palpebre, si recupera uno sguardo accattivante, uno zigomo presente e un labbro carnoso. L’ultima parola spetta al chirurgo che valuta non solo l’aspetto tecnico della procedura ma soprattutto le motivazioni del paziente ad eseguire un intervento d’insieme”.

Aiteb, l’Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino, festeggerà il 23 e 24 settembre il suo decimo compleanno con un evento dedicato a “Il futuro della Tossina Botulinica”. Un appuntamento per il V congresso nazionale, che si svolgerà al Palcongressi di Rimini e che richiamerà esperti e medici sia italiani che internazionali.

Il mondo della medicina estetica si sta evolvendo, la ricerca ha un ruolo sempre più centrale e ormai imprescindibile. Anche a seguito delle nuove normative, la valutazione scientifica dei prodotti, del loro risultato e della sicurezza è diventata molto importante. Da una fase più pionieristica oggi siamo ormai in una scientifica che offre piene garanzie. Come Aiteb abbiamo portato avanti da sempre questo approccio, ma ora vediamo che il settore nel suo complesso si sta basando su supporti scientifici ben solidi”. Così Salvatore Piero Fundarò, presidente di Aiteb in vista dell’evento celebrativo e di approfondimento a Rimini.

“La letteratura scientifica per noi è fondamentale, ci indica come ottimizzare i trattamenti. Oggi c’è una combinazione sempre maggiore di diversi trattamenti, finalizzati a un approccio olistico del ringiovanimento dei pazienti che sta determinando dei risultati molto più naturali e fisiologici rispetto a quelli del passato- prosegue Fundarò- In questo senso il congresso di Rimini sarà l’occasione perfetta per valutare, assieme a numerosi colleghi e professionisti del settore, le novità che stanno arrivando sul mercato italiano ed europeo circa le nuove tossine botuliniche, le tecniche e le sinergie con altri trattamenti che la tossina botulinica ha e sempre più avrà in futuro”.

L’appuntamento accoglierà numerosi interventi per una serie di approfondimenti attorno alle novità del settore e confronti dei trattamenti. Sarà discusso l’apporto dell’ecografia nella medicina estetica, l’uso della tossina botulinica in altre specialità così come gli approcci combinati o alternativi.

“Un congresso che ruoterà attorno ai nuovi orizzonti di trattamento della tossina botulinica– conclude il presidente- un evento importante per la nostra associazione che in questi dieci anni ha visto una crescita costante dei suoi soci: medici che vogliono approfondire e restare aggiornati. Aiteb è nata proprio con questo obiettivo, migliorare la conoscenza tra specialisti e pazienti sulla medicina estetica, e in particolare della tossina botulinica”.

(Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 90290 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!