Terra dei fuochi, il report di maggio

Anche per il mese di maggio si conferma il trend positivo del 2022, con una tendenza ormai pluriennale (dall’autunno 2020) alla diminuzione del numero di roghi di rifiuti nelle provincie di Napoli e Caserta, evidenziato dal confronto con i mesi di maggio del 2020 e del 2021: nel maggio 2020, che fu ancora mese di “lockdown”, vi furono 161 eventi incendiari; nel maggio 2021, 128 roghi; in questo mese di maggio 2022, 102 incendi di rifiuti.

Tuttavia il dato è in aumento rispetto ai mesi precedenti (Gennaio ‘22=64, Febbraio ‘22=63, marzo ‘22=90, aprile 22=57) con le avvisaglie di una stagione estiva che solitamente è la più funestata dal fenomeno; aumentano i roghi nei territori dei comuni costieri del Casertano, già cominciati nello scorso aprile, confermando la stagionalità del fenomeno e la sua forte connessione con il numero dei dimoranti (il numero di roghi in aree urbane dove esistono carenze strutturali nel sistema di raccolta è direttamente proporzionale al numero dei residenti). Gli incendi presso i campi Rom sono stati il 7,5% del totale.

Anche nel mese di maggio si registra una relazione inversa – rispetto agli scorsi anni – fra il diminuire dei roghi e l’aumentare degli abbandoni: ciò perché l’azione di contrasto ai roghi da parte dell’apparato delle forze di polizia e del contingente militare “Terra dei fuochi” può essere efficace nella fase repressiva, ma non può rimuoverne le cause, che risiedono appunto in sversamenti e abbandoni sui quali può incidere soltanto un decisivo e complessivo miglioramento del ciclo dei rifiuti. Il seguente grafico riporta roghi e abbandoni, e il trend vi appare chiaro.

Raffronto fra roghi e abbandoni nei mesi di Maggio 2020, 2021 e 2022

Da questo mese di maggio si è infine adottato un nuovo modello di controlli sul territorio “a sorpresa”, sempre concentrati sulle attività di trasporto abusivo e scarico di rifiuti, ovviamente senza trascurare le attività e le filiere produttive. Oltre agli ottimi risultati ottenuti nel controllo e nel sequestro di veicoli e nel controllo delle persone, così come riportati dalla consueta tabella recante i dati di rilievo, si evidenzia ancora il rilevantissimo incremento delle sanzioni, più che decuplicate da un anno all’altro, testimonianza di una attività di contrasto e prevenzione che si fa sempre più incisiva.

Confronto fra i mesi di Maggio 2020, 2021 e 2022
Risorse impiegate, attività svolte

e risultati conseguiti

Maggio 2020 Maggio 2021 Maggio 2022
Roghi di rifiuti nei comuni della “Terra dei fuochi” 161 128 102
…dei quali in Provincia di Napoli 131 114 89
… dei quali in Provincia di Caserta 30 14 13
Pattugliamenti delle forze armate e di polizia 1442 1706 1705
Attività produttive controllate 7 43 39
Attività produttive sequestrate 2 29 19
Veicoli fermati e controllati 36 4086 173
Veicoli sequestrati 13 135 46
Persone identificate e controllate 35 4824 223
Persone denunciate all’Autorità giudiziaria 2 58 31
Persone arrestate 0 0 0
Persone sanzionate amministrativamente 6 62 39
Nuovi siti di sversamento di rifiuti 11 6 162
Sanzioni amministrative (valore totale) € 10.379,67 € 151.514,34 € 1.333.755,20
Prelievo di pneumatici abbandonati

(in tonnellate)

27,46 38,19 26,92

Napoli, 6 giugno 2022

L’Ufficio dell’Incaricato

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 90287 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!