Choc al pronto soccorso di Aversa: infermiere picchiato dal figlio di una donna

Nuova aggressione ai danni del personale del pronto soccorso dell’ospedale ‘Moscati’ di Aversa: è accaduto nella serata di martedì.

Una donna si presenta al nosocomio aversano – accompagnata dai figli – con una sospetta infezione via urinaria. Le viene assegnato dal triage un codice verde in attesa di essere visitata ma dopo succede l’impensabile.

A raccontare il tutto l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate: “Alle 23.19 si presenta una donna accompagnata dai figli con una sospetta infezione via urinaria, già trattata in precedenza in un altro nosocomio. Le viene assegnato un codice verde al triage in attesa di essere visitata. Dopo 30 minuti dall’arrivo i familiari iniziano ad andare in escandescenza iniziando ad inveire contro i triagisti insistendo che la propria familiare doveva essere visitata con urgenza perché stava male, gli infermieri spiegano ai parenti e alla assistita che dovevano attendere xké ci stavano altre persone in attesa prima di loro e da più tempo”.

“Non contenti della risposta – proseguo il racconto – iniziano a minacciare il personale verbalmente, prima iniziando a colpire con calci e pugni la porta scorrevole e poi tentano di aggredire con calci e schiaffi colpendo un infermiere e una guardia giurata e lesionando il vetro d’ingresso del ps. Vengono allertate le forze dell’ ordine che una volte giunte in ps prendono le generalità degli aggressori e le dichiarazioni degli aggrediti. Alle 00.40 la signora viene visitata, trattata e dopo poco rimandata a domicilio. Restano le gride, i calci, i pugni e un vetro lesionato del ps”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 90288 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!