Comunali, asse Pd-M5S si spacca in due comuni napoletani

Tra i Comuni al voto domenica 12 giugno ci sono anche popolosi centri della provincia di Napoli come Pozzuoli, Acerra, Portici, Somma Vesuviana, Sant’Antimo, Nola e Ischia. L’asse giallorosso tiene soltanto ad Acerra e a Nola, mentre nel centrodestra tiene solo Fratelli d’Italia: Lega e FI rinunciano al simbolo dovunque.

Nel Comune flegreo, che conta 80mila abitanti, i candidati alla carica di sindaco sono cinque, ma la sfida è tutta interna al centrosinistra. A contendersi la fascia tricolore Paolo Ismeno, in corsa con il sostegno di otto liste, e Luigi Manzoni con dieci. Il Pd ha deciso di chiamarsi ufficialmente fuori dalla corsa, non presentando il simbolo. Gli esponenti dem puteolani sono divisi tra Ismeno e Manzoni. Il primo è sostenuto anche da Sinistra Italia, Moderati per Pozzuoli e ‘Figliolia per la città’, compagine che fa riferimento al sindaco uscente Vincenzo Figliolia, al suo secondo mandato. Manzoni, invece, ha dalla sua anche Noi di Centro, Azione con Calenda, Pozzuoli democratica, Partito socialista italiano, Europa Verde e Noi con l’Italia.

Il Movimento 5 Stelle resta a guardare, schiera il simbolo, ma corre in solitaria a sostegno di Antonio Caso. Stessa strada percorsa da Fratelli d’Italia con Paolo Guerriero sostenutO dal solo partito di Giorgia Meloni. Aspira alla fascia tricolore anche Raffaele Postiglione di Potere al Popolo, Pozzuoli Ora e Pozzuoli in Comune.

A Portici l’ex senatore dem Vincenzo Cuomo si candida per il quarto mandato (non consecutivo) da sindaco. Con lui il Pd e altre nove liste, tra cui non compare il Movimento 5 Stelle. I pentastellati puntano su Aldo Agnello, nome in campo anche per Sinistra Italiana ed Europa Verde. Anche nella città vesuviana non ci sono i simboli di Forza Italia e Lega: l’unico partito superstite nel centrodestra è Fratelli d’Italia, in campo per Mauro Mori.

Ad Acerra tiene l’alleanza progressista con Pd e M5s insieme per Andrea Piatto, ma l’ambizione di conquistare la fascia tricolore è frenata da Tito d’Errico, forte del sostegno di 12 liste e del sindaco uscente Raffaele Lettieri. Centrodestra in campo con Vincenzo Crimaldi (Fratelli d’Italia e due civiche).

Anche a Somma Vesuviana Pd e M5s corrono divisi. I dem sostengono Giuseppe Bianco, mentre l’M5s scende in campo per l’uscente Salvatore Di Sarno, che ha ricevuto anche l’endorsement del primo cittadino di Benevento Clemente Mastella. L’M5s rinuncia alla corsa a Sant’Antimo, dove l’unico partito tradizionale a presentare il simbolo è il Pd.

L’asse giallorosso tiene invece a Nola, dove dem e pentastellati corrono con Carlo Buonauro, fronteggiato da Raffaele Parisi e Maurizio Barbato. Non pervenuti i partiti di centrodestra. A Ischia l’unico candidato a sfidare l’uscente Vincenzo Ferrandino è Gennaro Savino, in corsa con il Pci Marxista-Leninista.

(Nac/Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 90483 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!