Aversa. Successo per la prima edizione ‘premio nazionale di danza Virginia Musto’

Successo straordinario del premio nazionale di danza Virginia Musto. Nonostante il caldo e diversi eventi concomitanti nella città di Aversa, il Teatro Cimarosa era gremito.

Uno spettacolo straordinario voluto e organizzato dai genitori Paolo e Annamaria della giovane Virginia, strappata alla vita a soli 21 anni, ma che continua ad esser un faro per i giovani che si cimentano nell’arte che lei amava tanto: la danza.

A curare la direzione artistica il Centro Danza Diana, che ha cooptato una giuria internazionale, composta da Jam Fousek, Roberta Ferrara e Luca Panella, artisti internazionali impegnati nei teatri di tutto il mondo.

E proprio a loro è toccato l’ardito compito di selezionare i dieci giovani finalisti tra centinaia di iscritti provenienti dall’Italia e dall’estero.

A fine serata dopo le diverse prove, ha trionfato per questa prima edizione Lisa Dottore, diciottenne di Pescara, mentre secondo è giunto Giuseppe Scaramuzzi, 19 anni da Napoli. Terza è giunta la diciassettenne Laura Cuomo da Bari.

Per loro premi in danaro e borse di studio presso importanti scuole di danza internazionali. Ma la serata, che ha ricevuto unanimi consensi di pubblico, è stata scandita anche dalle esibizioni di alcuni talenti del territorio.

Ad apertura di sipario è stata l’attrice Luisa Tirozzi, a ricordare, interpretando magicamente un monologo, la forza e l’amore di Virginia, che è il vero motore di questo premio. E poi la musica con Luca Urciuolo e la sua fisarmonica e come ospite d’eccezione in scena il giovanissimo Giulio Diligente, ballerino aversano, che proprio qualche settimana fa aveva trionfato nel concorso mondiale di danza ad Helsinki. Prima della chiusura dove sono state assegnate borse di studio per tutti e dieci i finalisti, anche la bellissima esibizione del virtuoso violinista Edoardo Amirante, che in queste iniziative è sempre in prima linea per la città, accompagnato al piano da Fabio Mirabelli.

Ha condotto la serata Adele Pagano, mentre ha curato tutti i momenti di scena Diana Pagano insieme a Claudio Diligente del Centro Danza Diana mentre direttrice del palco è stata Matilde Pagano. Del resto in tanti hanno collaborato al successo dell’iniziativa e fare i nomi di tutti sarebbe una vera impresa. A loro il grazie della famiglia Musto. Adesso neanche il tempo di godersi questo grande successo di critica e di pubblico che già si lavora alla prossima edizione.

Con questo bellissimo esordio, nel nome di Virginia Musto, nasce un nuovo appuntamento culturale che insieme al concorso internazionale Domenico Cimarosa Premio Rotary e al Premio Bianca D’Aponte(in sala erano presenti sia il flautista Fabio Di Lella, ideatore del concorso Cimarosa, sia Gaetano D’Aponte, patron del premio dedicato a Bianca), costituiscono il volto bello di Aversa. E siamo sicuri che per il Premio di Danza Virginia Musto, ogni anno arriveranno maggiori successi. Del resto chi ben comincia è alla metà dell’opera. E qui per il premio nazionale di danza hanno iniziato benissimo!

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 89217 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!