La guerra in Ucraina fa saltare le coppie di una vita: Urbani-Berlusconi e Colombo-Travaglio

Lasciamo Silvio Berlusconi per un momento alla sua gioia. Oggi il Cavaliere come se nulla fosse, dimenticando tutte le brutte parole volate da una parte e dall’altra del suo schieramento in questi mesi, ha incontrato i giornalisti per annunciare la ritrovata unità dopo il faccia a faccia con Salvini e Meloni nella sua villa di Arcore.

Ma per Berlusconi oggi è stata una giornata con risvolto amaro. Il professore Giuliano Urbani, tra i fondatori di Forza Italia, intervistato da ‘HuffPost’, lo ha criticato di brutto, a partire dalla sua amicizia, più volte rivendicata, con il dittatore russo Vladimir Putin: “Berlusconi ama Putin perché pensa sia liberale – dice Urbani – lo avrà letto in un copione di Mediaset… è stato portato fuori strada dal fatto che Putin gli disse di essere stato iscritto al Partito liberale russo… di fatto un partito di destra-destra. Putin lo lodava, l’uomo gli stava simpatico e faceva bisboccia con lui, il rapporto nasce da questo…”.

Ma è giorno di amarezza anche per il rapporto saltato dentro al Fatto Quotidiano di Marco Travaglio, con una delle firme storiche, Furio Colombo, uno dei fondatori. Colombo se n’è andato sbattendo la porta perché Travaglio lo ha censurato non pubblicando un suo articolo assai critico nei confronti del professore Alessandro Orsini “che è stato formalmente adottato – dice Colombo intervistato da Micromega – come un personaggio chiave del giornale…”.

[CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L’EDITORIALE]

(Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 87910 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!