(VIDEO) L’edizione settimanale del TG Sanità: maxi emergenze ustioni, pucker maculare e tumori rari sangue

Il TG Dire Sanità a cura della redazione giornalistica dell’Agenzia Dire.

Ecco i titoli:

– COVID. ISS: RT IN CALO A 1 E SCENDE INCIDENZA “Nel periodo compreso tra il 16 e il 29 marzo, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1, in diminuzione rispetto alla settimana precedente”. È quanto emerge dall’ultimo monitoraggio settimanale della Cabina di regia dell’Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute sul Covid-19. Il documento evidenzia anche un calo dell’incidenza settimanale a livello nazionale: si passa da 776 casi ogni 100.000 abitanti a 717 ogni 100.000. Scende a 4,2% il tasso di occupazione in terapia intensiva contro il 4,7% rilevato al 7 aprile. In Italia, intanto, il 4 aprile scorso la variante Omicron aveva una prevalenza stimata al 100%, con la sottovariante BA.2 predominante e la presenza di alcuni casi di variante ‘ricombinante’ della stessa Omicron”. A renderlo noto, l’indagine rapida condotta dall’Iss e dal ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.

– COVID. SPERANZA: MASCHERINA ANCORA ESSENZIALE, VEDIAMO DOPO PASQUA “Penso che in questo momento la mascherina sia essenziale, poi dopo Pasqua, nell’ultima decade di aprile, faremo un’ulteriore valutazione con i nostri scienziati e decideremo. Ma in questo momento la mia raccomandazione molto forte è di usare la mascherina in tutte le occasioni in cui ci sono rischi, perché la circolazione virale è molto alta”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo la settimana scorsa all’evento ‘Sanità pubblica e privata: come ripartire’, l’appuntamento Healthcare Talk di Rcs Academy, in collaborazione con ‘Corriere della Sera’ e ‘Corriere Salute’. “Credo che le mascherine oggi siano un presidio fondamentale- ha proseguito Speranza- infatti sono ancora obbligatorie al chiuso e noi le raccomandiamo con forza in tutte le occasioni anche all’aperto dove ci sono possibilità di assembramenti. Come sempre valuteremo l’evoluzione della curva epidemiologica”.

– ‘MIELO-SPIEGHI’, AL VIA CAMPAGNA SU TUMORI RARI DEL SANGUE Da una parte la fatica di accettare una neoplasia mieloproliferativa cronica (50% degli intervistati) e la paura per le possibili evoluzioni (28%). Dall’altra la sete di conoscenza (43%) e la consapevolezza di dover essere ogni giorno forti e determinati per riprendere in mano la propria vita (52%). È quanto emerge dalla survey su oltre 500 pazienti e caregiver realizzata da ‘Mielo-Spieghi’, la campagna di informazione sulle neoplasie mieloproliferative croniche (MPN), promossa da Novartis in collaborazione con Aipamm e con il patrocinio di Ail e del MPN Advocates Network. Proprio per rispondere ai bisogni emersi dalla survey, prende il via l’edizione 2022 di ‘Mielo-Spieghi’ all’insegna del ritorno alla vita: nuove rubriche social, progetti speciali e MPN Tracker, un tool dedicato ai pazienti per aiutarli a conoscere e gestire la propria malattia e a rimanere attivi.

– SOCIETÀ ITALIANA USTIONI: ATTUARE PIANO PER MAXI EMERGENZE “Riteniamo che il Piano nazionale delle maxi emergenze non sia specificatamente tarato per gestire un gran numero di ustionati”. A dirlo nel corso di una intervista rilasciata alla Dire il professor Antonio Di Lonardo, direttore del Centro grandi ustionati di Pisa e presidente della Società italiana ustioni (Siust), che lo scorso 26 marzo a Bologna ha incontrato, unitamente a tutti i responsabili dei centri ustioni nazionali, i rappresentanti delle istituzioni responsabili della pianificazione e attuazione dei piani per maxi-emergenze. Un incontro che non ha niente a che fare con la guerra in Ucraina, hanno tenuto a precisare. “Si è davvero trattato di una coincidenza- ha precisato Di Lonardo- perché è un incontro che stiamo organizzando da gennaio scorso. È però vero che quanto sta accadendo in Ucraina fa aprire gli occhi di più sulla tematica dei pazienti gravi ustionati in maniera grave. L’Italia è sempre in prima linea a soccorrere chi ne fa richiesta ed è probabile che si troverà ad accogliere persone che andranno curate bene e nelle strutture adeguate, i centri ustioni che, però, ad oggi stentano a risolvere i problemi ordinari”.

– COS’È IL PUCKER MACULARE? ESPERTO AIMO SPIEGA PATOLOGIA DI ANTONELLO VENDITTI “Il pucker maculare non è altro che una membrana, tipo la pellicola di cellophane, che trovandosi davanti al punto più importante della retina, comporta una distorsione delle immagini”. A spiegarlo è il dottor Paolo Michieletto, segretario dell’Associazione Italiana dei Medici Oculisti (AIMO) e medico oculista presso l’ospedale Oftalmico di Roma, interpellato dalla Dire in merito all’intervento all’occhio a cui si è sottoposto nei giorni scorsi a Roma il cantautore romano Antonello Venditti. Il pucker maculare (o membrana epiretinica) è una patologia dell’occhio, in particolare dell’interfaccia vitreo-retinica, che consiste nella formazione di uno strato di cellule che provoca una trazione innaturale sulla retina. Ma è per questo che Venditti, in un video postato su Facebook, diceva di vedere ‘tutto storto’? “Esattamente- ha risposto Michieletto alla Dire- questo accade perché davanti al punto più importante della visione si forma una membrana raggrinzita che fa vedere l’immagine distorta. Tale membrana all’inizio somiglia ad un sottile cellophane, poi col tempo il suo spessore aumenta e diventa più importante”. Ed è allora che si rende necessario un intervento di chirurgia, perché il rischio è che il pucker maculare possa determinare delle forti trazioni sulla retina e danneggiare anche gravemente la vista. “Si tratta di un intervento che ormai viene fatto in tutti gli ospedali italiani- ha concluso l’esperto- e serve a migliorare se non ad eliminare la distorsione dell’immagine”.

(Cds/ Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 88019 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!