(VIDEO) L’edizione del TG Psicologia

È online l’edizione settimanale del TG Dire Psicologia a cura della redazione giornalistica Agenzia Dire.

Ecco i titoli:

AUTISMO, BINETTI: LINEE GUIDA ANCORA FERME ALL’ISS, CAMMINO LUNGO

“Le nuove Linee guida sull’Autismo sono ferme, ancora dopo molto tempo, all’Istituto superiore di sanità e credo che manchi un lungo tratto prima che vengano licenziate perché, a mio avviso, ci sono dei nodi concettuali e culturali che non sono ancora stati sciolti”. In vista della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, che si celebra ogni anno il 2 aprile, Paola Binetti, neuropsichiatra infantile e senatrice dell’Udc, fa il punto sull’iter delle Linee guida in lavorazione presso l’Iss.

DISABILITÀ, ANFASS LANCIA PROGETTO ‘AAA-ANTENNE ANTIDISCRIMINAZIONE ATTIVE’

Avviare un’Agenzia nazionale per il contrasto della discriminazione delle persone con disabilità e delle loro famiglie, con un focus sulle disabilità intellettive e i disturbi del neurosviluppo. Questo l’intento del progetto ‘AAA – Antenne Antidiscriminazione Attive’, promosso da Anffas e realizzato con finanziamento concesso dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. L’iniziativa durerà 18 mesi e si svilupperà in cinque ambiti. Innazitutto lo studio, l’approfondimento, la ricerca e il monitoraggio sulle modalità per garantire concretamente la prevenzione e il contrasto della discriminazione basata sulla disabilità. Poi la creazione di una rete di relazioni tra soggetti sia interni che esterni ad Anffas. Terzo punto lo sviluppo di una rete attiva di volontari che divengano ‘antenne anti discriminazione’. Quarto il supporto concreto nei confronti delle persone con disabilità e dei loro familiari e infine la promozione di attività di sensibilizzazione.

DISABILITÀ, AL DI QUA ARTISTS: CI BATTIAMO PER ARTE ACCESSIBILE

Accessibilità: una parola molto utilizzata, spesso abusata, quando si parla di disabilità. Nell’immaginario collettivo, si tratta soprattutto di accessibilità fisica ai luoghi pubblici per le persone con disabilità o a contenuti per le persone con disabilità sensoriali. Eppure, a monte di questi ostacoli, c’è la capacità culturale e sociale di pensare in termini di accessibilità, c’è la sensibilità di concepire ogni cosa affinché sia accessibile, se non a tutti almeno a quante più persone possibile. Lo sanno bene gli artisti e lavoratori dello spettacolo di Al Di Qua (Alternative Disability Quality) Artists, la prima associazione condotta da artiste e artisti con disabilità per la tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori dello spettacolo con disabilità che hanno presentato a Roma, presso il cinema Nuovo Sacher, il loro progetto e il loro video manifesto.

PSICOLOGA: PRIMA ARMA CONTRO STEREOTIPI È SAPERE CHE SONO AUTOMATISMI

Quando si parla di stereotipi, a partire da quelli di genere, “è molto comune dire che per scardinarli è necessario partire dalla scuola. Ma mentre lo facciamo dovremmo anche lavorare sul livello di consapevolezza che gli adulti hanno di quanto i loro automatismi mentali, sia da uomini che da donne, siano inconsapevoli. Divenire consapevoli di questo significa anche avere in mente che il genere di appartenenza contiene forme superiori o inferiori di privilegio”. A spiegare la complessità degli stereotipi è Elisabetta Camussi, professoressa associata di Psicologia sociale presso l’Università di Milano Bicocca.

INSONNIA, BARBANTI (ANIRCEF): ALLENTARE STRESS, NO AL TELEFONO DI SERA

“L’insonnia è un disturbo frequente tanto che il 30% delle persone ha ‘conosciuto’ notti insonni e il 6% della popolazione globale soffre di insonnia cronica, che si definisce così quando si registrano 3 giorni di insonnia a settimana da almeno tre mesi”. A dirlo è Piero Barbanti, presidente dell’Anircef, che sottolinea come l’insonnia sia un disturbo sempre più crescente anche tra i giovanissimi, addirittura under 12. Ma come correre ai ripari? “È bene rallentare il ritmo dopo le ore 20- suggerisce Barbanti- Iniziare a ridurre dopo cena l’uso dei dispositivi elettronici, soprattutto il cellulare. Abbassare le luci e ridurre la luminosità dell’ambiente e portare la temperatura della stanza a 18-20 gradi centigradi. Attenzione a non usare la camera da letto come fosse un soggiorno, perciò se si è insonni è meglio non accendere la tv. Evitare poi di praticare sport dal tardo pomeriggio in avanti”, consiglia il presidente Anircef.

(Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 90483 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!