(VIDEO) L’edizione settimanale del TG Pediatria: epatiti bambini, malformazioni cerebrali

E’ online l’edizione settimanale del Tg Pediatria a cura della redazione giornalistica Agenzia Dire.

Ecco i titoli:

– EPATITI BAMBINI, INDOLFI (MEYER): NODO CAPIRE SE INCIDENZA IN AUMENTO “Il problema non è se si sono verificati casi di epatiti acute gravi nel nostro Paese, perché questo accade ogni anno, ma se i casi che si sono verificati superano l’atteso per il periodo, quindi se c’è un problema di incidenza”. Giuseppe Indolfi, epatologo dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, risponde così in merito ai casi di epatite acuta di ‘non definita diagnosi’ nei bambini in Italia. Al momento, dunque, nessuna preoccupazione, sottolinea l’esperto e chiarisce che “il primo passo è capire se c’è il problema”. Otto casi attesi di epatite acuta grave (cioè che potrebbero richiedere il trapianto di fegato) a eziologia ignota in un anno sono un dato “abbastanza realistico”, aggiunge Indolfi. “Se si guarda alle statistiche, storicamente in Italia i trapianti per epatite acuta grave ‘non-A e non-E’ sono sempre stati fatti in un numero inferiore ai 10 per anno”.

– MALFORMAZIONI CEREBRALI, IDENTIFICATA MUTAZIONE GENETICA I bambini affetti da disturbo dello sviluppo intellettivo, epilessia e complesse malformazioni del cervello e del cervelletto sono accomunati da una mutazione del gene Rac3. Lo ha scoperto un team di ricercatori dell’Università di Genova e dell’istituto Giannina Gaslini in collaborazione con il giapponese Aichi developmental disability center. Tramite tecnologia di sequenziamento genetico di ultima generazione, utilizzata su un gruppo di bambini provenienti da diversi centri italiani e internazionali, i ricercatori hanno scoperto che i neuroni malati non riescono ad acquisire la forma adulta e non migrano correttamente nella corteccia cerebrale durante lo sviluppo encefalico. Per il direttore di genetica medica dell’ospedale pediatrico Gaslini, Federico Zara, “dai risultati di questo studio possono derivare importanti implicazioni per la migliore comprensione dei meccanismi di formazione del cervello umano e dei meccanismi potenzialmente modulabili per il miglioramento della prognosi e della qualità della vita dei pazienti”.

– PARALISI CEREBRALE BAMBINI, AL VIA PROGETTO PILOTA ITALIA-CINA Al via un progetto pilota inter-universitario Italia-Cina per la gestione della nutrizione nei pazienti pediatrici con paralisi cerebrale. La collaborazione è diretta a trasmettere le conoscenze italiane alla comunità medico-scientifica cinese, forte del fatto che solo attraverso un impegno congiunto e condiviso sia possibile affrontare le problematiche e rispondere al meglio alle esigenze dei pazienti. In particolare, lo studio ha l’obiettivo di analizzare le problematiche non soddisfatte nella gestione nutrizionale dei bambini con paralisi cerebrale in Cina e trovare risposte a tali necessità. “Ci avviciniamo sempre di più all’obiettivo finale- ha affermato Claudio Romano, vicepresidente Sigenp- ottimizzare e migliorare l’assistenza medica complessiva relativa alla nutrizione clinica in Cina e a livello globale, e la qualità della vita dei bambini con paralisi cerebrale, con l’ambizione di ottenere risultati considerevoli anche negli adulti”.

– MIS-C, TADDIO: IN ULTIMI 6 MESI MENO CASI CON VACCINI E DIFFUSIONE COVID “Negli ultimi sei mesi i casi di Sindrome multi-infiammatoria sistemica (MIS-C) in età pediatrica sono fortemente diminuiti. In parte perché molti bambini hanno già avuto il Covid nei mesi precedenti, in parte perché una percentuale è stata vaccinata e in parte è dovuto al fatto che le nuove varianti in circolazione sembrano essere meno immunogeniche rispetto alle precedenti, cioè meno capaci di stimolare la risposta immunitaria che poi porta alla sindrome multi-infiammatoria sistemica”. A dirlo è Andrea Taddio, professore di Pediatria all’Università di Trieste, che da tempo studia la correlazione tra Covid e MIS-C. Durante la prima fase della pandemia, l’Italia è stato il primo Paese al mondo a dare l’allarme sulla comparsa di questa malattia e ha partecipato a uno studio internazionale, pubblicato su Nature Medicine, che per la prima volta descrive dei marcatori genetici che confermano perché alcuni soggetti con un particolare corredo genetico siano più predisposti di altri a sviluppare la MIS-C.

– CORSELLO: PEDIATRIA RUOLO GUIDA IN TUTELA SALUTE E PROMOZIONE DIRITTI “Il 77° Congresso italiano di pediatria sarà un’occasione per dibattere temi scientifici e di grande interesse sociale tra i pediatri, in un contesto di interattività e di confronto che caratterizza da sempre gli eventi nazionali della Sip”. Parte da qui Giovanni Corsello, editor in chief di Italian Journal of Pediatrics, per presentare l’evento nazionale che si terrà a Sorrento dal 18 al 21 maggio. “La pediatria di oggi si trova di fronte a una transizione epidemiologica, sono esplosi in questi ultimi anni una serie di argomenti che devono far parte del patrimonio culturale dei pediatri- continua Corsello- Il Congresso sarà quindi un’occasione per dibattere di temi che sono profondamente correlati non solo con la tutela della salute dei bambini, ma anche con la promozione dei loro diritti. Temi in cui la pediatria deve svolgere un ruolo di guida”.

(Mab / Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 92268 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!