(VIDEO) Not(t)e di Pace… per l’Ucraina: successo per l’evento al Teatro Cimarosa di Aversa

Una serata straordinaria di musica quella tenutasi mercoledì sera al Teatro Cimarosa. Lo spettacolo “Not(t)e di Pace”, nato da una intuizione del giornalista, esperto musicale e promoter culturale, Giuseppe Lettieri, ha visto alternarsi sulle tavole del teatro aversano tantissime eccellenze musicali del territorio.

Tantissimo il pubblico presente, che ha particolarmente apprezzato, le quasi tre ore di esibizioni davvero straordinarie.

Ad aprire il concerto è stata Yuliana Pylypiuk, giovanissimo soprano ucraino, che da alcuni mesi risiede ad Aversa, dove si è ricongiunta alla madre, e prosegue gli studi presso il Conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli. Accompagnata da Gennaro Errico al mandolino e Giancarlo Del Vecchio al pianoforte, intonando in ucraino, la canzone per antonomasia che rappresenta non solo Napoli ma tutta Italia, ‘O sole mio’, il cui testo, cosa che non tutti sanno, non fu scritto a Napoli, ma ad Odessa, città ucraina martoriata dalla attuale guerra. A lei poi si sono aggiunti per un corale omaggio, molto toccante, diversi cantanti lirici, guidati dal grande baritono Andrea Carnevale, vera eccellenza aversana. Poi c’è stato un intervento canoro della giovanissima e promettente Greta Monaco. Non poteva mancare l’omaggio al grande Cimarosa, con Francesco Virgilio, pianista virtuoso, che ha suonato l’Ouverture da “Il Matrimonio Segreto”, capolavoro del Cigno di Aversa, seguito poi dai cantanti lirici Giuseppe Di Lorenzo, tenore, e Carmen Pia Mattiello, soprano, che hanno intonato arie della celebre opera cimarosiana. Ed ancora un omaggio a Mozart con il Maestro Nicola Abate al pianoforte e il giovane Umberto Pannullo al flauto.

La prima parte dello spettacolo si è chiusa con il pianista Genny Basso, ormai già consacrato a livello nazionale e internazionale, che ha donato al pubblico con il suo elegante tocco brani di Chopin e Debussy, in una performance magistrale. La seconda parte si è aperta con il mandolino di Paolo Fagnoni, altra eccellenza riconosciuta della città normanna, accompagnato alla chitarra da Giacomo Napolano e da Carlo Maria Palmiero, che hanno intonato un middley di melodie classiche napoletane, molto apprezzate dal pubblico che accompagnava con canto e applausi tutta l’esucuzione. Poi Marco Fiorenzano, altro talento aversano dei tasti bianchi e neri, che ha fatto un omaggio al grande Petrucciani, per poi accompagnare il baritono Andrea Carnevale, di recente protagonista in Egitto de La Bohéme di Puccini, in due classici napoletani, “Passione” e “E tu ca nu chiagne” (quest’ultima dedicata alla sua grande insegnante, il Maestro Rina De Tata, scomparsa proprio alla vigilia del concerto) interpretazioni che hanno fatto venire i brividi in sala.

Dopo altri due giovani musicisti, con un omaggio a Cimarosa, Carmine del Canto, flautista, e Agostino Improta alla chitarra, hanno deliziato il numeroso pubblico presente in sala. Infine il magico violino di Eduardo Amirante, il talentuoso violinista aversano, accompagnato al piano da Fabio Mirabelli, ha praticamente ipnotizzato tutti, con una standing ovation generale. Lo spettacolo si è chiuso sulle note di Funiculì Funiculà intonato da tutti i cantanti lirici presenti: Liza Ulgharaita, Andrea Torcia, Livia Mastrillo, Ciro de Donato, Anna Palmieri, Alessandra Pecorario, Raffaele Liotto, Martina di Febbraro, Lorenzo Cavallo, Maria Viviana Marino, Rosa di Napoli, Silvia D’Errico.

“Una serata magica e partecipata – ha detto Giuseppe Lettieri che ha anche presentato l’evento- in cui siamo riusciti a mettere insieme giovani e già esperti musicisti del territorio, chiaro segnale che qui ad Aversa il fuoco dell’Arte, è acceso e arde più che mai!Grazie alle associazioni Arte Donna, AversaDonna, AGE associazione italiana genitori, Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia, Diaphonia-Musicalia, Fidapa, Inner Wheel, Soroptmist, Lions Club e Rotary Aversa che hanno contribuito ad organizzare la kermesse. Devo anche ringraziare l’onorevole Nicola Grimaldi, il consigliere comunale Alfonso Oliva, ed Antonio Iazzetta di Civico 103, che hanno sostenuto, a titolo personale, l’iniziativa, senza ovviamente dimenticare la famiglia Virgilio del Teatro Cimarosa, unico luogo laico della cultura rimasto in città. Ringrazio per la presenza il pubblico, anche extramoenia presente al teatro, tra cui il sindaco di Casavatore, Luigi Magliulo, accompagnato dal vicesindaco Elisabetta Puzone e dall’assessore alla Cultura Elsa Picaro, don Carmine Schiavone responsabile cittadino e regionale della Caritas e i consiglieri comunali di Aversa Maurizio Danzi, Roberto Romano e Mariano Scuotri. Not(t)e di Pace, con la musica vero linguaggio universale, con la speranza nel cuore di tutti noi che questa assurda ed atroce guerra in Ucraina si fermi, è stato un evento che ha emozionato tutti. Il ricavato della serata è stato assegnato, con il parere favorevole di tutti i presidenti delle associazioni, proprio alla giovane soprano Yuliana Pylypiuk, come borsa di studio, affinché attraverso la nobile arte delle sette note sia ambasciatrice di arte e di pace”.

Commenti tutti positivi anche sui social di una serata che lascerà a lungo il suo ricordo! Da non dimenticare che il pubblico nel foyer del Teatro è stato accolto da una piccola mostra dell’artista e architetto ucraino Oleksa Sorokolit, che ha esposto in diverse collettive e mostre personali i suoi lavori in tutta Europa.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 90463 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!