(VIDEO) Whirlpool Napoli, Operai sul piede di guerra: “è un inferno, vogliamo garanzie”

I lavoratori Whirlpool sono sul piede di guerra. Sono giunti a Roma per il tavolo convocato al Ministero dello Svilippo Economico per scongiurare i licenziamenti nello stabilimento napoletano e giurano di non volersene andare finché non avranno “garanzie sul posto di lavoro”. Sono arrivati da oltre un’ora, il tavolo è cominciato da poco ma senza la presenza delle figure più attese, i ministri.

“Da tre anni siamo in un limbo, per non dire un inferno”, spiega Carmen. “Da tre anni chiediamo di avere il nostro lavoro, non se ne può più, è inaudito”. La tensione sale quando anche tra i lavoratori giunge la notizia dell’assenza al tavolo dei ministri, impegnati poco distanti dal ministero in Cdm, e nemmeno delle sottosegretaria al Mise Alessandra Todde.

“Ministri di cosa?- chiede sarcastica Carmen- loro sono diplomatici”. Qualcun altro chiede quando arriveranno i ministri, se c’è un orario di conclusione del Cdm. Ma non c’è alcuna risposta e qualcuno si spazientisce. Altri si sorprendono dell’assenza della Todde, di solito presente nei precedenti incontri. “Adesso non abbiamo date- conclude Carmen- il nostro riferimento è oggi e per noi non c’è fine a questa giornata finché non avremo garanzie”.

(Sor/ Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 80293 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!