Calcio, Balzanelli: “bene Gravina su corsi primo soccorso”

“La decisione del Presidente della Figc, Gabriele Gravina, di fare ‘tesoro’ di quanto accaduto sabato scorso in Danimarca” al calciatore Christian Eriksen, e dunque istituire “a breve un corso di Primo Soccorso per tutti i calciatori, in collaborazione con la Lega Serie A e con la federazione medico sportiva, è di straordinaria importanza ‘storica’, perché centra istituzionalmente nel nostro Paese la necessità inalienabile di affermare il primato assoluto di tutela della vita al centro di qualunque evento, di qualunque ambiente di vita, di lavoro o di attività ludico ricreativa, come intanto nel corso delle manifestazioni sportive”. Lo scrive in una nota il presidente di Sis118, Mario Balzanelli.

“Lo sport, ed il mondo del calcio in particolare, nella persona del Presidente Gravina, con cui la Società Italiana Sistema 118 si congratula vivamente, mettendo contestualmente a disposizione il suo enorme pluridecennale bagaglio esperienziale in tema di risultanze gestionali del soccorso ai pazienti vittime di arresto cardiaco improvviso in ambito extraosperdaliero- aggiunge- apre così virtuosamente con questa decisione alla maiuscola prospettiva di civiltà di garantire il più possibile l’acquisizione di competenze salvavita di base da parte della popolazione nazionale, le quali si ergono come barriera efficace, assolutamente determinante nel fare la differenza – concreta e drastica – tra la vita e la morte, come proprio la ‘restituzione alla vita’ di Eriksen documenta con estrema evidenza, peraltro in diretta televisiva davanti a tutto il mondo, competenze costituite da gesti semplici, da manovre facilmente apprendibili che, negli anni a venire, potranno unicamente evitare innumerevoli tragedie”.

Per Balzanelli “va ribadito ancora una volta, con forza, come l’acquisizione delle competenze essenziali del Primo Soccorso da parte della cittadinanza, e l’implementazione delle reti di defibrillazione precoce di comunità, rappresentino le leve formidabili di supporto alle dinamiche operative tempo dipendenti del soccorso poste in essere, h 24, 365 giorni/anno, dai Sistemi di Emergenza Territoriale 118 del Paese a tutela incessante di chi versi nell’imminente pericolo di perdere la vita, e produrranno finalmente, ma solo quando divenute tangibili realtà operative, ‘la svolta salvavita’ dagli assalti impietosi e quotidiani perpetrati dalla ‘strage della morte improvvisa’, riposizionamento valoriale oggi più che mai affidato al sentimento, alla lucidità, alla responsabilità più alta dello Stato”.

(Red/ Dire)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 76367 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!