Aversa. Dello Iacono: “Ennesimo silenzio sulle questioni che realmente interessano alla città”

“Excusatio non petita, accusatio manifesta: la locuzione latina sintetizza al meglio le cinque ore di nulla di ieri. Giustificazioni puerili, un comizio stucchevole tutto per spiegare il ‘ribaltino di novembre’ (è stato Alfonso Golia a chiamarlo così) distogliendo l’attenzione da quelli che sono i problemi per affrontare i quali ci siamo (forse è meglio dire per alcuni ci saremo) candidati. Non voglio entrare in polemica con i miei ex alleati, non raccolgo le imbarazzanti provocazioni, mi limito a stendere un velo pietoso su un comportamento che, ormai, va avanti dall’inizio della consiliatura che marca una distanza ormai incolmabile tra la corte del sindaco e la città. Ieri mi sarei aspettata che le tante energie profuse da parte di questi signori fossero, invece, impiegate per discutere l’ordine del giorno sul regolamento degli artisti da strada. Mi avrebbe fatto piacere capire cosa si intende fare per rendere Aversa una città turistica. E, invece, nulla! L’ennesimo silenzio sulle questioni che realmente interessano alla città dopo tanta inutile caciara, ma, tant’è!”. Così la consigliera comunale in quota Italia Viva, Imma Dello Iacono.

“Quello che conta, in questo caso è comunque che, almeno questa volta, è stato approvato il regolamento sugli artisti di strada che permette di conciliare l’espressione artistica con il vivere civile. Giunge a conclusione un lavoro che mi ha visto protagonista in commissione e per il quale mi sono spesa per permettere a tanti artisti di potersi esprimere liberamente senza entrare in contrasto con le attività commerciali, con i cittadini, creando le condizioni per valorizzare e rendere appetibile sempre di più la nostra meravigliosa città. In quest’ottica abbiamo fissato dei paletti che ci permettono di valorizzare al meglio queste presenze. Gli artisti non potranno esibirsi sui sagrati delle chiese e nelle vicinanze di monumenti. Dovranno mantenere una certa distanza l’uno dall’altro e, comunque, non dovranno occupare più di un determinato spazio. Dovranno chiedere l’autorizzazione per le loro attività senza però pagare tasse comunali.
I loro spettacoli dovranno avvenire in determinate fasce orarie che variano a seconda delle stagioni e dei giorni della settimana: attraverso questi parametri la loro presenza sarà sempre più un’occasione di aggregazione. Il nostro compito è quello di mettere in rete le espressioni artistiche, le preesistenze storiche della nostra città, esaltando le tradizioni e le intelligenze per inserire Aversa in un discorso turistico. Un primo piccolo passo è stato fatto regolamentando presenza, spazi e orari degli artisti di strada… Io non mi fermo, lo devo all’amore che ho per la mia città!”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 74780 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!