Sanità, CNAL: “Rinnovare contratti ai 36mila precari tra medici ed infermieri”

”Tra quindici giorni andranno in scadenza i contratti del personale medico e infermieristico reclutato per l’emergenza Covid 19: si tratta di circa 36 mila lavoratori assunti a tempo determinato. Il mancato rinnovo dei contratti svuoterebbe la sanità pubblica in Italia”. E’ la denuncia del sindacato CNAL/ FIL del comparto sanità rappresentato da Giuseppe Martorano e dal Segretario Confederale Sergio Marino.

“Con l’emanazione del D.L. 18/2020, convertito, con modificazioni con la Legge 27/2020,- hanno scritto i sindacalisti della CNAL –  prevedeva esplicitamente che tali assunzioni avevano la durata di un anno e non rinnovabili. Oggi appare chiaro l’errore di valutazione  del precedente governo nel ritenere sufficiente tale periodo per superare l’emergenza sanitaria. Considerato la persistente crisi pandemica, appare chiaro l’urgenza di emanare  un nuovo provvedimento per prorogare almeno di due anni tali contratti”.

“Questa la richiesta che la CNAL/FIL ha inoltrato stamani al Governo Draghi dopo le precedenti sollecitazioni rimaste inascoltate dal precedente governo e per evitare il blocco della sanità pubblica”, hanno concluso i Segretari Confederali Marino e Martorano.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 73300 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!