‘Ndrangheta, indagato leader Udc Cesa: “Estraneo a fatti, mi dimetto”

Nel corso della notte, 200 uomini della D.I.A, provenienti da tutti i centri e sezioni operative d’Italia, supportati da Poliziotti, Finanzieri e Carabinieri hanno coadiuvato gli investigatori della sezione operativa D.I.A. di Catanzaro, tutti coordinati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Roma, per l’arresto di nr. 50 persone, destinatarie di un provvedimento di misura cautelare, nr. 13 in regime di custodia in carcere, nr. 35 in regime di custodia domiciliare, nr. 01 obbligo di divieto nel comune di Catanzaro e nr. 01 obbligo di presentazione alla P.G.

https://www.larampa.it/2021/01/21/video-ndrangheta-maxi-operazione-in-tutta-italia/

Tra gli indagati c’é anche il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa: la sua casa romana è stata perquisita questa mattina dal personale della Dia.

“Ho ricevuto un avviso di garanzia su fatti risalenti al 2017. Mi ritengo totalmente estraneo, chiederò attraverso i miei legali di essere ascoltato quanto prima dalla procura competente. Come sempre ho piena e totale fiducia nell’operato della magistratura. E data la particolare fase in cui vive il nostro Paese rassegno le mie dimissioni da segretario nazionale come effetto immediato”. Così Lorenzo Cesa, segretario nazionale dell’Udc.

L’assessore al Bilancio della Regione Calabria, Franco Talarico, dell’Udc, é stato arrestato e posto ai domiciliari nell’ambito dell’operazione “Basso profilo” coordinata dalla Dda di Catanzaro.

(ANSA)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 74670 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!