Aversa. Rapina Unicredit, clienti derubati avviano azione legale contro istituto credito

Novità sul fronte del furto, stile hollywoodiano, alla filiale aversana dell’Unicredit in Piazza Vittorio Emanuele avvenuto lo scorso 22 novembre 2019 ove i rapinatori bloccarono mezza città e con un braccio meccanico distrussero la vetrata in via Tribunali portando via una delle due casseforti e delle cassette sicurezze.

http://www.larampa.it/2020/01/29/aversa-furto-unicredit-arrestati-presunti-autori/

Dopo diversi mesi d’indagini, Polizia e Carabinieri a fine gennaio hanno arrestato i componenti della banda criminale con preparazione paramilitare.

http://www.larampa.it/2020/02/04/video-aversa-colpo-unicredit-fasi-colpo-corteo-automezzi-blocco-accessi/

Già nelle ore successive al colpo, i clienti derubati avevano avviato tutte le necessarie fasi per eventuali azioni di risarcimento nei confronti dell’UniCredit per il danno subito. A patrocinarli l’avvocato Cesare Gallo che imputa alla banca, la scarsa sicurezza dei locali dove erano tenute le cassette di sicurezza. Come emerso dall’indagine, è stato un gioco da ragazzi per i ladri accedere all’area suddetta, ovvero un locale a fronte strada separata da una semplicissima vetrata distrutta con un braccio meccanico.

Sempre nel documento legale redatto dall’avvocato si sottolinea come le cassette di sicurezza e cassaforte debbano essere custodite in area non facilmente accessibile a tutti; per questo, l’avvocato Gallo addebita alla banca di non aver messo in essere tutte quelle operazioni di sicurezza per salvaguardare i beni di valore affettivo e materiale dei suoi clienti.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 77863 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!