San Donato Milanese. Terrore bus studenti: investigatori a caccia del video di Sy

Investigatori e inquirenti che indagando sul caso di Ouesseynou Sy, l’autista che ha sequestrato e incendiato il bus con 51 ragazzi ed è stato arrestato ieri, stanno cercando di acquisire il video-manifesto postato dall’uomo sul suo canale privato di una piattaforma web e inviato ai suoi conoscenti in Italia e in Senegal. Nel filmato l’uomo spiegava le ragioni del suo ‘gesto eclatante’ contro le politiche migratorie italiane. Del video aveva parlato lo stesso Sy nel corso dell’interrogatorio davanti ai pm ieri sera.

http://www.larampa.it/2019/03/20/senegalese-sequestra-bus-e-gli-da-fuoco/

L’uomo era stato condannato in via definitiva nell’ottobre del 2018 a un anno con la sospensione condizionale della pena: era accusato di aver molestato una diciassettenne ed era stato condannato in primo grado a Cremona per fatti risalenti al 2010. L’uomo era stato condannato in base all’articolo 609 del Codice penale per “fatti di minore gravità”. Da qui l’entità della pena. A questo si aggiunge una condanna per guida in stato di ebbrezza a Brescia nel 2007. L’autista si mise in malattia alcuni anni fa quando gli venne sospesa la patente per guida in stato di ebbrezza e, dunque, la società per cui già lavorava all’epoca, la Autoguidovie, non seppe nulla di quell’episodio.

E’ sorvegliato a vista Ousseynou Sy, l’uomo arrestato ieri dopo aver dato fuoco ad un bus su cui viaggiava una scolaresca, in una cella insieme ad altri detenuti nel carcere di San Vittore dove è stato portato intorno all’una della scorsa notte. L’uomo, che subito dopo l’arresto era stato medicato in ospedale per ustioni leggere, ieri sera ha avuto solo il colloquio con il medico di guardia. Questa mattina, invece, incontrerà lo psichiatra, lo psicologo e l’educatore del reparto. Il comune di Crema si costituirà parte civile nel processo a carico di Ouesseynou Sy. Lo ha spiegato il sindaco, Stefania Bonaldi, precisando che l’amministrazione comunale “non ha alcun potere di controllo” riguardo le condizioni del personale di Autoguidovie con il quale è stato stipulato un contratto con una gara d’appalto a livello provinciale.

http://www.larampa.it/2019/03/20/video-san-donato-milanese-bus-a-fuoco-uno-dei-bambini-a-bordo-autista-ha-urlato-e-colpa-di-salvini/
http://www.larampa.it/2019/03/20/video-san-donato-milanese-bus-a-fuoco-comandante-carabinieri-ragazzino-a-bordo-ha-lanciato-lallarme/
http://www.larampa.it/2019/03/20/san-donato-milanese-bus-a-fuoco-perquisita-casa-di-ousseynou-sy/
http://www.larampa.it/2019/03/21/sandonatomilanese-bus-fiamme-lettera-carabinieri-colleghi-eroi/

Il Viminale è al lavoro per verificare la possibilità di togliere la cittadinanza italiana al senegalese che ha dirottato e bruciato un pullman a San Donato Milanese. “I pm – spiega il ministero – hanno parlato di ipotesi terrorismo ‘perché ha creato panico’. L’eventualità di togliere la cittadinanza è contemplata dal Decreto sicurezza. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini segue direttamente la vicenda”.

(ANSA)

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 76191 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!