(VIDEO) Beatles, 50 anni fa la loro ultima esibizione dal vivo… sul tetto

Il 30 gennaio i Beatles, ormai immersi nel loro lungo addio alle scene, suonano per l’ultima volta in pubblico: con intento beffardo si esibiscono sul tetto del palazzo che ospitava la Apple (l’etichetta del gruppo) al numero 3 di Savile Row a Londra. La performance sarà interrotta dalla polizia, come raccontato nel film “Let It Be”. I rapporti tra John, Paul, George e Ringo sono ormai catastrofici eppure la band pubblica “Yellow Submarine”, colonna sonora del cartoon, e, il 26 settembre, il leggendario “Abbey Road”.

Il Concerto dei Beatles sul tetto (detto anche “Rooftop Concert“) fu l’ultima esibizione pubblica dei Beatles dal vivo. Il 30 gennaio 1969, la band, con l’aggiunta del tastierista Billy Preston, sorprese la città di Londra con un concerto improvvisato sul tetto dell’edificio che ospitava gli uffici della Apple Corps. In 42 minuti, i Beatles suonarono nove take di cinque loro canzoni prima di venire interrotti dalla polizia, chiamata in loco da alcuni residenti infastiditi dal rumore e dalla folla che si era spontaneamente radunata ai piedi dell’edificio. La storica esibizione venne ripresa dal regista Michael Lindsay-Hogg per l’inclusione nel film documentario Let It Be – Un giorno con i Beatles del 1970.

L’audio venne registrato impiegando due banchi mixer a 8 piste posizionati nella cantina della Apple dal tecnico Alan Parsons, e il regista Michael Lindsay-Hogg portò la sua troupe sul tetto per catturare ogni immagine del concerto, incluse le reazioni dei passanti in strada.

Quando i Beatles iniziarono a suonare verso mezzogiorno, si creò una certa confusione in strada e nel quartiere con vari passanti incuriositi che guardavano in alto da sotto i cinque piani sottostanti, molti dei quali erano impiegati in pausa pranzo. Mentre la notizia dell’evento si diffondeva, folle di spettatori cominciarono a radunarsi nelle strade e sui tetti degli edifici nelle vicinanze. Mentre la maggior parte rispose positivamente al concerto, la polizia si preoccupò immediatamente per il rumore e il traffico che si andava creando nella zona. Inizialmente, gli impiegati della Apple si rifiutarono di far entrare gli agenti, cedendo solo in seguito dietro minaccia di arresto.

Quando la polizia salì sul tetto, i Beatles si resero conto che il concerto sarebbe stato interrotto a breve, ma continuarono comunque a suonare ancora per svariati minuti. Paul McCartney improvvisò sul testo della sua canzone Get Back per ironizzare sulla situazione: «You’ve been playing on the roof again, and that’s no good, and you know your Mummy doesn’t like that… she gets angry… she’s gonna have you arrested! Get back!» (“Siete andati ancora a suonare sul tetto, e questo non è bello, sapete che non fa piacere alla vostra mamma… si arrabbia… vi farà arrestare tutti! Tornate indietro!”).

Durante il concerto sul tetto della Apple i Beatles e Billy Preston eseguirono i seguenti brani:

  1. Get Back (Lennon/McCartney) – 3:05
  2. I Want You (She’s So Heavy) (Lennon/McCartney) – 0:18
  3. Get Back – 3:04
  4. Don’t Let Me Down (Lennon/McCartney) – 3:12
  5. I’ve Got a Feeling (Lennon/McCartney) – 3:30
  6. One After 909 (Lennon/McCartney) – 2:46
  7. Danny Boy (Weatherly) – 0:06
  8. Dig a Pony (Lennon/McCartney) – 3:44
  9. God Save the Queen (brano tradizionale) – 0:32
  10. I’ve Got a Feeling – 3:33
  11. A Pretty Girl Is like a Melody (Berlin) – 0:05
  12. Don’t Let Me Down – 3:19
  13. Get Back – 3:01
Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 92216 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!