Aversa. L’ex assessore Gilda Emanuele: “Ecco i motivi del mio defenestramento”

L’ormai ex assessore all’Urbanistica del comune di Aversa, Gilda Emanuele, spiega cos’è accaduto immediatamente prima l’atto di revoca della delega e con la nota che di seguito è riportata vuole spiegare alla cittadinanza e ai non addetti ai lavori (in quanto questi ben conoscono i veri motivi del defenestramento ndr) i vari passaggi che si sono susseguiti.

“Vorrei chiarire – comincia la nota dell’ex assessore – che non è mia intenzione muovere alcuna accusa, né tantomeno dare alcun giudizio: voglio solo condividere con voi una serie passaggi, che mi stanno facendo riflettere, ma di cui non riesco bene a capire le ragioni e i veri motivi. Per uscire da sterili polemiche e da strumentalizzazioni di quanto effettivamente accaduto, mi limito a sottolineare che la sottoscritta ha tempestivamente posto in essere ogni atto di propria competenza appena ha avuto conoscenza piena dei dovuti atti.

“Sotto il profilo amministrativo, poi, da una prima lettura dell’atto di revoca, le motivazioni mi sembrano astratte e di stile. In particolare, è chiaramente riportato che avrei elaborato una proposta di delibera non conforme alle linee di indirizzo della maggioranza. Non si considera, però, che l’atto, condiviso con la dirigenza, nasce dall’esecuzione di una sentenza, che non richiedeva, quindi, particolari “accordi” di maggioranza. D’altra parte, in nessun passaggio ufficiale o ufficioso la maggioranza aveva dichiarato di voler attribuire la destinazione Verde Pubblico a tutte le zone G prive di specifica sotto-classifica. Ho appreso con l’emendamento presentato in Consiglio, e quindi ne ho preso atto, di tale intenzione della maggioranza. Mi auguro solo che resti sempre questa la linea politica, anche e soprattutto durante la redazione del Piano Urbanistico Comunale. In ogni caso, il Sindaco era a piena conoscenza della proposta di delibera: lo dimostra ufficialmente anche una mia nota risalente all’8 maggio, quindi ben 53 giorni prima del Consiglio Comunale. Quindi mi chiedo: come mai non sia intervenuto né ufficialmente né ufficiosamente convocando riunioni per poterne discutere e approfondire? Come mai non abbia mai chiarito e comunicato a me di avere un’idea politica diversa sulle aree G senza specifica destinazione? Ciò nonostante Il Sindaco motiva il ritiro delle mie deleghe per una mancata condivisione della proposta presentata in Consiglio. Non so, infine, a quali articoli di stampa ci si riferisca nell’atto di revoca delle deleghe, in quanto la sottoscritta, come al solito, è stata sempre bene attenta a riportare alla stampa notizie veritiere e giammai in contrasto con le idee del gruppo di maggioranza”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 94661 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!