Ilva, Pastorino: “Di Maio e Grillo ondivaghi, preoccupati per lavoratori”

“Prima il ministro in pectore, successivamente declassato a probabile sottosegretario, Fioramonti, aveva parlato di chiusura dell’Ilva. Poi è arrivato Grillo a vagheggiare scenari da spettacolo teatrale sul futuro della società, creando preoccupazione tra i lavoratori. Infine è intervenuto il ministro dello Sviluppo e vicepremier Di Maio a smentire tutti, dicendo che deciderà lui. Insomma, tutto chiaro, no? La verità è che sul futuro dello stabilimento di Taranto e su quello dell’azienda in generale il Movimento 5 Stelle è inquietante, o meglio risulta in piena continuità con quel lasciarsi trasportare dalle onde, senza una direzione, che abbiamo visto dal 4 marzo in poi”. Lo dichiara l’esponente di Possibile, Luca Pastorino, deputato di Liberi e Uguali.
“Il problema dell’Ilva – aggiunge Pastorino – è davvero complesso, perché c’è la necessità di salvaguardare decine di migliaia di posti di lavoro e allo stesso tempo bisogna evitare i wind day a Taranto, i giorni in cui alcuni quartieri devono serrarsi in casa a causa dell’arrivo di polveri inquinanti spostate dal vento. L’innovazione può consentire un intervento indolore, in grado di salvaguardare i posti di lavoro e la tutela dell’ambiente.  E su questo punto è necessario un confronto ininterrotto, senza assistere a scenette che sarebbero comiche se non riguardassero migliaia di lavoratori, a cui garantisco il massimo impegno per tutelarli”.
Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 93552 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!