Politiche, il MLI non scenderà in campo: ‘legge anticostituzionale’

“Il Consiglio Direttivo Nazionale del Movimento Liberazione Italia si è riunito in Chieti nei giorni 12 e 13 gennaio e ha deliberato all’unanimità di non presentare il simbolo del MLI alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, in quanto il Rosatellum, il cui relatore è Ettore Rosato del PD, è anticostituzionale e nullo e coloro che si presentano sono complici di un disegno criminoso voluto e gestito da Renzi e dalla banda del PD”. Lo dichiarano il Presidente del Comitato dei Saggi Antonio Pappalardo e il Presidente Nazionale del MLI Giuseppe Pino.

“Inoltre è stato deliberato di costituire un Corpo dei Liberatori d’Italia, per la pace e la solidarietà, e per il ripristino della legalità, libertà e democrazia in Italia; arrestare tutti i governanti abusivi e i parlamentari non convalidati che, sebbene il parlamento sia stato sciolto, percepiscono lo stipendio sino a tutto il mese di marzo; presentarsi alle elezioni nella Regione Lazio, in quanto la legge regionale è valida a tutti gli effetti. Chi si vuol candidare con noi alle regionali nel Lazio mandi alla email federscudo@gmail.com la sua candidatura con fotocopia di un documento di riconoscimento.
Chi vuol sapere come comportarsi alle elezioni del 4 marzo, visiti il nostro sito www.movimentoliberazioneitalia.it, da dove può estrarre la dichiarazione del proprio voto di protesta, come è previsto dalla legge, con le modalità ben precise da seguire”.

“Dobbiamo fare muro contro Renzi e il PD che hanno convinto Berlusconi, Salvini, Meloni, Bonino e Di Maio a presentarsi alle elezioni nonostante tutti sappiano che il Rosatellum sia anticostituzionale e nullo. Vorrei ricordare che il M5S ha presentato un ricorso alla Corte Costituzionale di anticostituzionalità del Rosatellum. Con quale faccia si presenta oggi alle elezioni? Il nostro è un Referendum contro il Rosatellum, in quanto nel voto di protesta è indicato che dovrà essere eletto un Congresso del Popolo che dovrà redigere e approvare la nuova legge elettorale. Se coloro che presentano il voto di protesta contro il Rosatellum superano coloro che si stanno presentando alle elezioni, il giorno dopo siamo autorizzati e cacciarli via perché il Popolo Sovrano ha deliberato la loro espulsione dalla vita politica del Paese. Vi comunichiamo che il MLI ha presentato un esposto denuncia all’ONU e alle competenti Autorità internazionali per annullare le elezioni del 4 marzo 2018, essendo nullo il Rosatellum”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 80479 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!