Serie D. Buon pareggio per il Gragnano a Manfredonia

Un guizzo di Gassama consente al Gragnano di restare imbattuto al “Miramare” di Manfredonia e di evitare la beffa della sconfitta al termine di una gara dominata nella prima frazione e controllata nella ripresa, seppur in inferiorità numerica. Ma andiamo con ordine.

Rosario Campana, tecnico dei gialloblù, recupera il capitano Martone e Formisano, reduci da squalifica. Tra i pali c’è Giordano mentre la difesa è formata, da destra a sinistra, da Chiariello, Baratto, Martone e Formisano. Conferma per Gassama a centrocampo, da intermedio destro, con Gatto centrale e Franco sul centrosinistra. In attacco ci sono Cioffi, Mansour e Napolitano. Giovanni Baratto, allenatore del Manfredonia, propone anch’egli un 4-3-3 che, soprattutto nel primo tempo, diverrà un 4-5-1 a causa della verve offensiva del Gragnano. In porta agisce Grasso, in difesa Vatiero ed Esposito sono i due terzini con Mazzei e De Giosa centrali. Davanti alla retroguardia c’è il capitano Romito con ai suoi lati Martino e Joof. In attacco il riferimento centrale è La Porta con La Forgia a destra e Amendola a sinistra.

Gragnano subito padrone del campo ad inizio partita. All’8′ lancio dalle retrovie, Napolitano scatta in posizione regolare e si presenta a tu per tu con Grasso. Il sinistro dell’attaccante viene respinto dall’estremo difensore. Un minuto più tardi il portiere salva ancora su Napolitano, servito da Formisano, e poi De Giosa è lesto a respingere sulla linea il susseguente colpo di testa di Mansour. La punta gialloblù ci riprova al 14′ ma Grasso è attento e blocca in due tempi. Il primo tempo è sostanzialmente un monologo gragnanese. Al 35′ punizione dal lato corto dell’area di rigore del Manfredonia, Gatto premia l’inserimento di Martone che insacca di testa. Tutto inutile perché il direttore di gara annulla su segnalazione dell’assistente per un sospetto fuorigioco. Dubbi che persistono anche dopo la visione delle immagini nel post gara. Tre minuti dopo si accende Gassama, nuovamente autorevole nella posizione di intermedio, con un destro dal limite che Grasso neutralizza. Proprio sul finire di tempo, Campana è costretto al primo cambio con La Monica al posto di Gatto, infortunato. Dopo un minuto di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi per l’intervallo. La ripresa si apre ancora con il Gragnano in avanti. Cross pregevole di Formisano e spettacolare conclusione in rovesciata di La Monica che sfiora l’eurogol con la sfera a lato di un soffio. Al 6′ gialloblù in dieci uomini. Cioffi, già ammonito, cade in area, per l’arbitro Arace è simulazione ed è quindi inevitabile il secondo cartellino giallo. Girandola di cambi per il Manfredonia intorno all’ora di gioco con Tristano, Rinaldi, Granatiero e Quitadano al posto di Amendola, Esposito, Romito e Vatiero. Nel Gragnano invece tocca a Liccardi in luogo di Mansour. Campana passa al 4-4-1 con Gassama che torna ad agire da riferimento offensivo. L’inferiorità numerica non comporta un netto cambiamento nell’andamento del match con i gialloblù che controllano senza particolari problemi gli attacchi dei padroni di casa e provano a ripartire in contropiede. Al 21’ ci prova La Monica, mancino dai venti metri che termina alto. Poco prima dello scoccare della mezz’ora della ripresa il Manfredonia trova l’inaspettato vantaggio. Traversone di Rinaldi da destra che trova La Forgia libero sul secondo palo, la battuta al volo della punta pugliese è potente e precisa e non lascia scampo a Giordano. Il Gragnano non si arrende alla prospettiva di una sconfitta beffa e riparte all’attacco. Al 36′ Moccia, da poco entrato al posto di Chiariello, pesca in area La Monica, destro che trova la respinta di Grasso. Sul pallone si avventa come un falco Gassama che realizza a porta vuota! 1-1! Torna alla rete il gioiellino guineano, settima marcatura stagionale. Il finale di gara non riserva altre emozioni e dopo tre minuti di recupero arriva il triplice fischio dell’arbitro. Il Gragnano porta a casa un altro risultato positivo e chiude un ottimo girone d’andata a quota 19 punti, uno in più rispetto alla scorsa stagione. Appuntamento al nuovo anno con la trasferta di Altamura in calendario il 7 gennaio.


Manfredonia Calcio – ASD Città di Gragnano 1-1

Marcatori: 29′ st. La Forgia (M), 36′ st. Gassama (G)

Manfredonia Calcio: Grasso, Vatiero (dal 16′ st. Quitadano), Esposito (dal 12′ st. Rinaldi), Martino, Mazzei, De Giosa, Romito (K) (dal 16′ st. Granatiero), Joof, Amendola (dal 12′ st. Tristano), La Porta, La Forgia.   A disp.: Simone, Stoppiello, Russo, Genchi, Buenza.   All.: Giovanni Baratto

ASD Città di Gragnano: Giordano, Franco, Baratto, Martone (K), Gatto (dal 44′ pt. La Monica), Formisano, Chiariello (dal 30′ st. Moccia), Gassama, Napolitano (dal 39′ st. Vincenzi), Mansour (dall’11’ st. Liccardi), Cioffi.  A disp.: Sicignano, Montuori, Guidone, Grimaldi, D’Arco.  All.: Rosario Campana

Arbitro: Mario Davide Arace (sez. AIA di Lugo di Romagna)

Assistenti: Stefano Cicchitti (sez. AIA di Chieti) e Antonio Signore (sez. AIA di Venosa)

Ammoniti: Esposito (M), Mazzei (M)

Espulsi: al 6′ st. Cioffi (G) per doppia ammonizione

Note: Recupero: 1′; 3′. Corner: 2-0. Spettatori: 500.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano – Gennaro De Stefano

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 74788 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!