Aversa. “Ha ucciso e fatto a pezzi Vincenzo”, l’ex militare assassino sospeso dal Ministero

È stato sospeso dal servizio. Il suo stipendio è stato dimezzato del 50 per cento. Questo è il provvedimento adottato dalla Direzione Generale del segretariato generale del Ministero della Difesa a Roma nei confronti di Ciro Guarente, l’assassino di Vincenzo Ruggiero.

Guarente non era alle dipendenze dello Stato Maggiore Marina dal momento in cui ha fatto outing dichiarandosi omosessuale. Sottoposto alla visita medico collegiale, Guarente è stato dichiarato inidoneo permanente al servizio militare ai sensi dell’articolo 14 della legge 266/99. Successivamente ha fatto domanda di essere trasferito a ruolo civile ai sensi dell’articolo 930 del codice militare ed dislocato al circolo della Marina Militare. Al momento dell’arresto, la Direzione Generale del segretariato generale del Ministero della Difesa lo ha sospeso dall’incarico con decurtamento del 50€ dello stipendio come prevede il contratto nazionale collettivo di lavoro del 12 6 2003 ma il licenziamento non potrà venire fin quando la sentenza non passerà ingiudicato.

Pertanto Ciro Guarente percepirà il cinquanta per cento del denaro, così come previsto dall’agenzia per la rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni del Ministero.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 80499 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!