Aversa. Pista atletica, mozione Santulli relativa alla richiesta di proroga ‘ex Campo profughi Carinaro’

Il sottoscritto Consigliere Comunale Paolo Santulli, appartenente al gruppo del partito democratico, nato ad Aversa il 23/9/1950 ed ivi residente;

Tenuto conto dei ritardi accumulati negli anni, per problemi politico – amministrativi, si pensi che la concessione del contributo ministeriale per la realizzazione della Pista di Atletica Leggera, su richiesta dello scrivente, di 1.700.000,00, è stata concessa nel 2005, con le somme accreditate con decreti 122248, 113392 e 118589 rispettivamente del 2006, 2007 e 2008;

Valutato che ancora una volta, grazie alla testardaggine dello scrivente, proposta di emendamento alla L. 18/2017, abbiamo ottenuto una ulteriore proroga, dopo quella del 2014, del contributo ministeriale di 1.100.000,00 ancora residui, perché i primi 600.000,00 non furono richiesti tempestivamente dall’Amministrazione Ciaramella;

Considerato che la Pista di Atletica deve sorgere sul suolo indicato in oggetto, ceduto dal Demanio al Comune di Aversa, con contratto condizionato da una clausola di salvaguardia scadente il 10/3/2018;

alla luce dei ritardi legati ai problemi esposti in precedenza ed alle procedure burocratiche che sono ancora indispensabili per arrivare alla gara di appalto, nonché  alla gara di appalto stessa, valutati  i ritardi, soliti, della stazione unica appaltante;

al fine di non vedere sfumare uno dei pochi impianti sportivi nella Città di Aversa, con finanziamento e suolo già disponibili e con relativi costi per l’Amministrazione locale,

fa voti al Consiglio

affinchè sia presentata al Demanio dello Stato, Agenzia Regionale della Campania, una richiesta di  proroga sulla scadenza del vincolo previsto per il 10/3/2018, presente nel Contratto di trasferimento della proprietà del suolo in oggetto al Comune di Aversa, relazionando l’attuale stato dell’arte .

In mancanza, l’addove l’adempimento richiesto dal sottoscritto, non dovesse essere realizzato e conseguentemente, qualora il suolo, del valore di circa 5.000.000,00 di euro, dovesse tornare nella disponibilità del Demanio e pertanto non si realizzasse la Pista di Atletica Leggera, perdendo definitivamente anche il contributo ministeriale di 1.1000.000,00, con un danno imputabile, per un’ammontare complessivo di 6.100.000,00, euro, fin da ora, saranno ritenuti colpevoli, quanti, a cominciare dal primo cittadino, non si fossero adoperati in scienza e coscienza, come previsto dalla normativa vigente, per le responsabilità assunte dai ruoli tecnici e politici ricoperti nell’Ente.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 93554 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!