Portici. Comunali, Erra: “Cuomo è incapace di elaborare un progetto per la città”

“Cos’è un programma elettorale? Un elenco, dettagliato e argomentato in ogni suo punto, di impegni assunti al cospetto di potenziali elettori, da ottemperare nel corso di un mandato in caso di vittoria a una tornata elettorale. Ciascun progetto viene illustrato nelle finalità, nei benefici che se ne ricaveranno per i cittadini a cui è destinato, ma anche indicando le risorse individuate per realizzarlo. Una spiegazione doverosa per l’unica persona che non l’ha ancora recepita: il candidato sindaco di Portici, già senatore Pd, Enzo Cuomo. Che ci ha fornito finalmente una ragione della sua incapacità a realizzare alcunché nei suoi anni da sindaco. Nessuno del suo partito di ‘illuminati’ gli aveva mai spiegato cosa fosse un programma elettorale. E oggi spaccia per programma un manifesto elettorale che non ha nulla a che fare con iniziative tese al migliorare il territorio e le condizioni di vivibilità di chi lo abita. Il suo proclama, invece, trabocca clamorose balle e si concentra su gratuiti attacchi ai rivali politici. Uno squallido comizio di piazza messo nero su bianco. A leggerlo, sembra di sentire Cuomo arringare con tutto il carico del suo pronunciato slang”. Lo sostengono il senatore del Movimento 5 Stelle Sergio Puglia e il candidato sindaco M5S a Portici Giovanni Erra.

“Insomma – sotttolineano Puglia e Erra – tra quelle pagine non c’è nulla degli ipocriti propositi e delle false promesse a cui Cuomo ci ha abituati. Chi lo leggerà, troverà strali all’indirizzo di Verdi, Marroni (Nicola), ex rossi (l’ex compagno Iacomino), arancioni (Dema e co). Con un particolare riferimento al M5S la cui sola esistenza pare sia la ragione delle notti insonni del senatore Pd. A tal proposito, giova ribadire all’ex sindaco che mai il Movimento 5 Stelle Portici è stato ‘fiancheggiatore’ dell’ex suo assessore ed ex sindaco Nicola Marone, ma di essere stato il primo, piuttosto, ad aver urlato critiche al suo operato, portando in strada centinaia di persone per protestare contro le tariffe della mensa scolastica. Che, inoltre, il M5S Portici è stato il primo a invocare le dimissioni di Marrone con tanto di comunicati ufficiali ripresi da tutte le testate locali e reperibili attraverso qualunque motore di ricerca. Che il M5S Portici coniò l’accezione ‘insalatissima Marrone’, in riferimento alle ben otto liste che sostenevano il magistrato, cinque in meno della scandalosa ‘insalatona mista’ che sostiene oggi Cuomo”.

“Oltre a quella di bugiardo e di incapace – concludono Puglia ed Erra – Cuomo si è guadagnato l’onta di un’altra vergognosa etichetta affibbiatagli dai cittadini di Portici. Quella di traditore, per essere fuggito verso lidi romani nel pieno del suo mandato di sindaco, senza portare a compimento neppure una virgola del suo programma elettorale. Ma forse la colpa non fu sua. Nessuno, neppure allora, gli aveva spiegato cosa fosse e come si realizzasse un programma elettorale”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 74536 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!