Aversa. Politiche Ambientali, convegno di Fare Ambiente nella Real Casa dell’Annunziata

Da anni il Movimento Ecologista Europeo, FareAmbiente, presieduto in Campania da  Francesco della Corte, Dottore di ricerca e Specializzato  in Diritto e Gestione dell’Ambiente presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, asserisce con forza che “uno sviluppo sostenibile, senza innovazione tecnologica non può esserci, in quanto risultano essere elementi complementari ed inscindibili.

Questo  concetto sarà il Leitmotiv del convegno dal titolo “Tecniche innovative nelle politiche ambientali” che si terrà il prossimo 4 Novembre alle ore 15,00 presso l’Aula Magna della Facoltà di Ingegneria della Seconda Università degli Studi di Napoli (S.U.N) sita nella Real Casa dell’Annunziata via Roma, 29 Aversa (CE), organizzato da FareAmbiente Campania, che per l’evento ha voluto riunire un pò i massimi esperti del settore, sia diretto che correlato, per discuterne, per confrontarsi e soprattutto onde gettare le linee guida per un ambientalismo ragionevole e positivo, che tenga presente sia dell’innovazione tecnologica, sia dello sviluppo sociale ed economico  e soprattutto di una tutela concreta dell’ambiente.

Su questa scia, l’avvocato Della Corte, socio fondatore di FareAmbiente,   da sempre è un noto assertore del connubio innovazione tecnologia/ambiente, infatti lo stesso afferma che ”E’ ovvio che ognuno di noi aspira a vivere in un ambiente salubre, e se potesse condurrebbe, almeno idealisticamente, una vita bucolica, ma bisogna  essere però realisti, in quanto tutte le conquiste fatte nell’ultimo secolo, dalla scienza, son diventate oramai parte integrante del nostro quotidiano, credo che nessuno di noi rinuncerebbe al telefono per comunicare, ad internet per navigare e conoscere, allo stesso modo non potremmo rinunciare allo spostamento con mezzi meccanici,  quindi il progresso scientifico e tecnologico è entrato  inscindibilmente nel nostro vivere, portando notevoli benefici ed utilità, rendendo la vita di tutti noi palesemente più agevole,  ovviamente con qualche sacrificio ed è per questo che bisogna costantemente applicare il principio di precauzione. In questa ottica costante, il  Movimento Ecologista  FareAmbiente, chiede che venga utilizzata ed applicata in ogni campo,  la migliore tecnologia esistente e più vicina alle esigenze dell’uomo, così per gli impianti nel settore dei rifiuti, argomento molto caro alla nostra regione, così come nel campo  della mobilità, della comunicazione e così via, in modo che con un occhio si guarda allo sviluppo ed ai continui miglioramenti della vita, e con l’altro alla tutela dell’ambiente, considerando questo ultimo come tutto ciò che ci circonda”.

Il dott. Francesco Manna, altra anima dell’evento, e corresponsabile del laboratorio di FareAmbiente Aversa assieme all’ing. Dario Autiero, ha spiegato il perché della scelta della città normanna ed il perché della Facoltà di Ingegneria come location, infatti lo stesso ci ha tenuto ad evidenziare come “negli ultimi anni, e grazie all’interazione delle Università dislocate sul territorio, Aversa sia diventata un vero crocevia e centro nevralgico di propulsione per idee ed innovazioni tecnologiche sempre più all’avanguardia e sempre più attente alle esigenze dell’uomo e dell’ambiente, ragion per cui non poteva essere scelta ubicazione più appropriata per discutere di ambiente ed innovazione”, così ha poi concluso il Dott. Manna, “l’inquinamento ambientale è uno dei temi cruciali che l’uomo contemporaneo si trova ad affrontare. In quest’ordine entrano in gioco conoscenze umane come l’ingegneria, l’economia e la sociologia del territorio in cui l’uomo opera. Il Convegno, pertanto, cerca di introdurre il concetto di ambientalismo ragionevole, dove le iniziative umane hanno il minor impatto possibile sulla natura, attraverso le più appropriate tecniche per il controllo, il recupero e la gestione dell’inquinamento”.

All’evento che si terrà il 4 Novembre presso la Facoltà di Ingegneria della SUN, prenderanno parte esperti e  studiosi, nello specifico,  rappresentanti di ordini Professionali come l’Ing. Vittorio Severino Presidente dell’ordine degli Ingegneri di Caserta,  docenti di vari atenei campani come il Prof. Alessandro Mandolini della SUN, il Prof. Giovanni Perillo di Uniparthenope, il Prof. Dino Musmarra della SUN, il Prof. Giovanni Bartoli della SUN ed istituzioni, sia del mondo della politica come il Sindaco di Aversa il dott. Enrico De Cristofaro e l’Onorevole Luigi Bosco della Commissione Regionale delle Attività Produttive  che della Magistratura come il Sostituto Procuratore del Tribunale di Napoli Nord il dottore Giovanni Corona, ed ognuno nelle loro rispettive qualità, cercherà di spiegare ai presenti, il fondamentale sostegno che  le innovazioni tecnologiche, ogni giorno, apportano alle loro attività.

Questo convegno dibattito dà l’avvio al ciclo di seminari scientifico-culturali che FareAmbiente Campania ha organizzato nelle varie Facoltà campane, infatti ne seguirà un altro sul rapporto tra economia ed ambiente che si terrà, questa volta, presso la Facoltà di Economia della Seconda Università degli Studi di Napoli. L’avvocato Della Corte, dichiara che ha ricevuto il compito di organizzare questo ciclo di seminari direttamente dal Presidente nazionale il Prof. Vincenzo Pepe, “costante guida e supporto”, entusiasmante compito che ha visto operare in piena sintonia e sinergia l’intero esecutivo di FareAmbiente  Campania, compreso i giovani e gli universitari di FareAmbiente rispettivamente diretti da Gaetano Di Bello e da Alfredo Di Bello.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 79086 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!