Grazzanise. Contrabbando di volatili protetti, bracconieri arrestati dalla Polizia

La Polizia di Stato di Caserta ha arrestato Giacomo UGASTI, 61enne ed il figlio Carmine 33enne, di Grazzanise (CE), per resistenza e violenza a PP.UU. Denunciati, inoltre, per uccisione e abbandono di animali nonché per furto aggravato. Liberati 14 volatili di specie autoctona protetta, beccacce, barbagianni, gufi, assioli, capinere, gruccioni. Sequestrati richiami acustici, altoparlanti, stampi di plastica di anatre e pavoncelle utilizzate per richiamare gli uccelli e 9 fucili da caccia.

Gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Caserta, sono intervenuti a Grazzanise, in Località Borgo Appio a seguito della notizia di alcuni reporter di una nota trasmissione televisiva “Le Iene” e di personale dell’ ”E.I.T.A.L. Onlus”, associazione di protezione animali, che i due uomini possedevano e contrabbandavano volatili della fauna selvatica autoctona di specie protetta.

Giunti nei pressi dell’ abitazione dei due uomini gli agenti hanno sorpreso un gruppo di persone e tra questi Giacomo e Carmine UGASTI che hanno provato ad impedire il controllo tentando di barricarsi in casa, respingendo gli agenti con violenti spintoni. Dopo vani tentativi di allontanare i poliziotti, i due sono stati bloccati. Vicino al portone d’ ingresso i poliziotti hanno rinvenuto 5 scatoloni in cui giacevano diversi uccelli, per la cui classificazione si sono avvalsi della collaborazione di addetti dell’ E.I.T.A.L., appositamente nominati ausiliari di p.g.-

In un appezzamento di terreno adiacente l’ abitazione i poliziotti hanno notato una vasca colma d’acqua ove erano state issate 4 reti della lunghezza complessiva di ben 120 metri con relativi richiami sonori, per catturare volatili. Sono stati rinvenuti numerosi stampi riproducenti anatre e pavoncelle. Nelle maglie della rete vi erano uccelli morti appartenenti alla specie protetta.

Sequestrate le 4 reti, 3 richiami acustici, 2 altoparlanti, 16 stampi in plastica di anatre e pavoncelle. Nell’abitazione i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato 9 fucili da caccia legalmente detenuti. I due uomini sono stati posti a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria. Gli uccelli sono stati affidati al Presidio Ospedaliero Veterinario di Napoli per le cure del caso e la successiva liberazione.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 93306 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!