Caserta. Bacino di crisi, la rabbia dei lavoratori per l’assenza di De Luca

De Luca stanzia 2,5 milioni di euro per la cultura casertana: “Adesso ci chiediamo una cosa, ma con la cultura si può vivere? Non dimentichiamoci caro Presidente Che ci sono 1200 famiglie senza un sostegno da diversi mesi”

Caro Presidente De Luca l’assenza di lavoro molto spesso era vissuta come una circostanza naturale, oggi invece viene sopportata da noi lavoratori in maniera critica sotto ogni punto di vista. Oggi rispetto a questo dramma la nostra classe politica se ne disinteressa, i nostri politicanti sono influenzati dal mantra della deregolamentazione e dall’abbattimento dei diritti, nella convinzione erronea che la flessibilità contrattuale abbia effetti diretti sui livelli di occupazione. Perdere il lavoro è un problema sul piano economico, ma non solo perché il lavoro oggi è uno dei pilastri dell’identità umana. Si ricordi caro Presidente che trovarsi disoccupato comporta per noi lavoratori una grave perdita di definizione, di potere, ma soprattutto di poteri di riferimento. Con la mancanza di sostegno vanno a cadere tutti i principi etici di una famiglia. Per questo motivo che noi chiediamo una soluzione per trovare rimedio, una prospettiva, ma soprattutto un percorso da intraprendere, non può la sua giunta regionale essere ostaggio del famoso mediocre, per non dire insufficiente “Decreto Poletti”. Noi lavoratori aspettiamo da anni il realizzarsi di impegni presi da cariche istituzionali, non possiamo essere gettati come spazzatura in una discarica abusiva. Caro Presidente non faccia demagogia politica con le parole, noi ci auspichiamo il massimo impegno da parte di tutto il suo governo regionale, c’è la vita di 1200 lavoratori in gioco, non si possono commettere più errori sugli ammortizzatori sociali, non possiamo pagare gli errori delle politiche regionali passate. Ci auguriamo che lei possa ascoltare le nostre problematiche, ma soprattutto si ricordi che il lavoro, non le parole mobilitano la speranza di noi uomini, perché il lavoratore prima di ogni cosa è considerato un essere umano con i propri diritti universali, culturali, sociali. Ma soprattutto le ricordiamo che la cultura può essere viva se c’è lavoro.

Bacino di Crisi di Caserta

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 93322 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!