Volley Serie A2F. La Volalto Caserta cede a Filottrano

Era la Cima Coppi del suo campionato, il Pordoi, lo Stelvio innevato e sferzato da gelide raffiche di vento, la salita che mette a dura prova polmoni e muscoli. Il velocista e chi non lotta per la maglia rosa, affronta queste tappa con il suo passo avendo in cuore un solo obiettivo: scollinare con il minimo danno possibile ben consapevole che saranno altri i traguardi da raggiungere e per i quali occorrerà dare il massimo.Ecco, la trasferta in terra marchigiana per la VolAlto si poteva riassumere con questo paragone ciclistico. Troppo forte la capolista per una VolAlto presentatasi ad Osimo senza la sua fromboliera più importante, oramai volata in Indonesia.

Era l’esordio sulla panchina rosanera per coach Bonafede. L’ex tecnico di Bolzano ha lavorato con la squadra poco più di sei giorni, troppo poco per poter aspettarsi particolari cambiamenti tattici e tecnici. La formazione casertana ha onorato al massimo la sfida. Ha provato a tener testa alle fortissimi rivali, ma , alla fine, ha potuto ben poco di fronte alle motivatissime rivali.( 3-0; 25-19; 25-20; 25-18). Tredicesima vittoria consecutiva per Filottrano, oramai lanciatissima vera la serie A1. Per la VolAlto nessun dramma. La cima è stata scollinata. Le concomitanti sconfitte di Olbia, Mondovì e Cisterna lasciano immutata la classifica e rendono “più sopportabile” il ko. Adesso arrivano sfide decisamente più abbordabili, difficili, non prive di insidie, ma gare dal pronostico aperto, incontri dove sarà imperativo dare il massimo per tornare a muovere la classifica. 

La Lardini centra il suo personale 13 sulla schedina del Samsung Gear Volley Cup di A2 e chiude al meglio un girone di andata strepitoso. La formazione di Massimo Bellano supera di slancio (3-0) anche l’ostacolo Caserta, mostrando per buoni tratti del match un ottimo livello di gioco, che finisce per fare la differenza. L’ultima di andata, tra l’altro, consegna alle filottranesi la Golem Software Palmi come avversaria dei quarti di finale di coppa Italia di A2 (andata mercoledì 18 in Calabria, ritorno il 25 al PalaBaldinelli). Contro la Volalto la Lardini impone immediatamente il suo ritmo ed entra in partita con impeto, firmando con Scuka e Cogliandro il 4-0 che induce Bonafede (al debutto sulla panchina casertana) alla prima sosta. Il servizio di Negrini obbliga l’ex Agrifoglio a rincorrere spesso il pallone, Vanzurova e ancora Cogliandro accompagnano la Lardini al 7-0. E’ Bartesaghi a siglare il primo punto della Volalto, ma Filottrano stoppa a muro (Mazzaro e Scuka) le iniziative casertane e sul 12-2 le ospiti hanno già esaurito i tempi di sospensione. La reazione della Volalto non si fa comunque attendere: la fast di Astarita alleggerisce lo scarto (13-5), il muro di Strobbe e due ace di Aquino portano la Volalto al -6 (16-10). Il vantaggio interno si assottiglia ancora sul muro di Mio Bertolo (17-13), ma Scuka e Vanzurova ridanno slancio ad una Lardini che con due punti in fila di Negrini di fatto mette al sicuro il set (22-15). Coach Bellano cambia la diagonale (dentro l’ex Galazzo e Tosi), un’invasione a rete di Caserta manda in archivio il primo set. Al cambio di campo la Lardini apre ancora il gas, come nel set d’apertura, colpendo con Vanzurova e alzando il muro di Mazzaro e Scuka (7-1). Pascucci prova a frenare l’irruente avvio delle filottranesi (10-4), ma la Lardini continua a tenere altissimo il livello di gioco e con Vanzurova e Negrini allunga ancora (12-5). A mettere ulteriore luce tra le due squadre ci pensa Cogliandro, che nel set attacca senza sbavature (nel match con il 67%) e sigla i due ace consecutivi che lanciano la Lardini sul +10 (18-8). Sembra fatta, ma la Volalto ha un colpo di reni importante e con Pascucci soprattutto costruisce un break di 7-0 (19-16) che riapre il parziale. Vanzurova e la neo entrata Rita stoppano il ritorno casertano (21-17), la Lardini riprende il largo con l’opposta ceka e con Cogliandro, chiudendo il set con l’ace di Negrini. Filottrano prova a spingere sull’acceleratore anche in avvio di terza frazione (5-2), ma è un inizio di set contrassegnato da diversi errori sia da una parte e dall’altra. La Lardini mantiene comunque sempre il comando del gioco e del punteggio (11-8), provando a scavare il solco con Scuka e Vanzurova (14-9). Pascucci prima e poi Boriassi (muro) tengono la Volalto in scia (17-14), Scuka tramuta in punto una super difesa di Feliziani, Bosio alza i giri del motore di una Lardini che arma il braccio di Vanzurova (16 punti totali con il 52% in attacco) e con il terzo muro personale di Mazzaro centra il suo personale tredici sulla schedina del campionato.

LARDINI FILOTTRANO – VOLALTO CASERTA 3-0

LARDINI FILOTTRANO: Bosio, Vanzurova 16, Mazzaro 4, Cogliandro 10, Negrini 4, Scuka 14, Feliziani (L); Tosi, Galazzo, Rita 1, Cappelli, N.e.: Marangon (L2), Pizzichini. All. Bellano – Quintini.

VOLALTO CASERTA: Agrifoglio 4, Pascucci 8, Strobbe 8, Mio Bertolo 6, Bartesaghi 3, Astarita 8, Cecchetto (L); Boriassi 2, Aquino 1, Barone (L2). N.e.: Avenia. All. Bonafede – Russo.

ARBITRI: Somansino (Te) e Mattei (Mc).

PARZIALI: 25-19 (22’), 25-20 (24’), 25-18 (22’).

image_print

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 23624 posts and counting.See all posts by admin