Tenta di truffare un’anziana: denunciato sedicente avvocato

Ha tentato di truffare un’anziana fingendo di essere prima un avvocato e poi un maresciallo dei carabinieri: i Carabinieri, quelli veri, denunciano un 32enne della provincia di Napoli.

Il giovane ha contattato telefonicamente un’anziana di Candida asserendo di essere un avvocato e che aveva bisogno di un bonifico della somma di circa 2.000 euro necessaria per pagare una fantomatica cauzione per liberare il figlio che, secondo quanto sostenuto dal truffatore, era ristretto in camera di sicurezza avendo provocato un sinistro stradale con feriti. Nella circostanza, per rendere più credibile il racconto, faceva parlare l’anziana con un sedicente maresciallo dei carabinieri che confermava l’accaduto.

La donna, venuta a conoscenza di analoghi episodi di truffe verificatesi recentemente e ricordando sia i consigli dell’Arma in merito a tale tipologia di reato, divulgati grazie agli organi di stampa, sia quanto letto sulla locandina “DIFENDITI DALLA TRUFFE” realizzata dall’Arma e vista affissa in paese, richiedeva subito l’intervento dei Carabinieri.

L’attività investigativa posta in essere permetteva ai militari della Stazione di Montefalcione di acquisire elementi di reità nei confronti dello stesso 32enne, già gravato da precedenti per analoga fattispecie di reato, individuato anche attraverso l’analisi del “modus operandi” e grazie all’osmosi informativa tra i Reparti dell’Arma. Scattava dunque a suo carico la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, per il reato di tentata truffa,.

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino ricorda ancora una volta i consigli riportati con l’iniziativa “DIFENDITI DALLE TRUFFE”, principalmente rivolta agli anziani potenziali vittime di truffa, ma anche a tutti gli operatori pubblici e privati, reti parentali o amicali che, venendo a contatto con persone anziane a vario titolo, possono assumere un ruolo nella prevenzione e nella tutela nei confronti di questa categoria di persone. Spesso è la condizione di solitudine della persona che favorisce i truffatori: le persone anziane con pochi amici e scarse relazioni sociali, con minore prontezza di riflessi o minor conoscenza dei fenomeni di truffa possono essere ingannate con maggiore facilità.

È importante, quindi, saper riconoscere le situazioni più a rischio, conoscere gli elementi che possono far pensare che sia in atto un tentativo di truffa e, di conseguenza, i comportamenti da assumere.

Si riportano di seguito una serie di accorgimenti utili a prevenire le truffe oltre a semplici comportamenti da tenere nel caso ci si renda conto di trovarsi davanti un potenziale truffatore, indicati anche nella locandina/vademecum predisposta con la succitata iniziativa:

1.  Il truffatore, per introdursi nell’abitazione, può presentarsi in diversi modi: spesso è una persona distinta, elegante, gentile: dice di essere un funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell’INPS, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas, ecc. e talvolta si presenta come appartenente alle Forze dell’Ordine, spesso con casacche e pettorine e non in divisa.

2.  Non aprire agli sconosciuti e non farli entrare in casa soprattutto se si è soli. Prima di farli accedere accertarsi della loro identità eventualmente chiedendogli di mostrare un tesserino di riconoscimento.

3.  Non dare denaro a sconosciuti che indicano di essere impiegati di enti pubblici o privati: Enel, Telecom, Gas, Acquedotto, Inps, ecc., non effettuano riscossione di bollette presso abitazioni, preannunciando l’eventuale controllo delle utenze con apposito avviso.

4.  Mostrare cautela nell’acquisto di merce offerta per strada o venduta porta a porta e diffidare sempre degli acquisti oltremodo convenienti e dei guadagni facili, trattandosi verosimilmente di truffa o di prodotti rubati.

5.  Prestare attenzione se qualcuno telefona o si presenta a casa, chiedendo del denaro o oggetti preziosi per pagare debiti o acquisti di merce, con la scusa che lo ha mandato un parente: in tal caso rinviare l’appuntamento o chiedere al familiare interessato di partecipare al successivo incontro.

6.  Segnalare immediatamente ogni situazione sospetta al 112 o al più vicino Comando.

image_print

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 21789 posts and counting.See all posts by admin