Pretendevano di essere visitati senza rispettare le priorità: fermati due nordafricani

Nella prima serata di ieri, il personale del Pronto Soccorso nell’Ospedale delle Apuane a Massa Carrara ha chiamato il numero di emergenza “113” per chiedere l’intervento degli operatori di polizia, in quanto due uomini, d’origine nordafricana, pretendevano con insistenza e minacciosamente di essere visitati senza rispettare l’ordine di priorità e arrivo.

I due, infatti, hanno dato in escandescenze e, al fine di intimidire il personale sanitario e costringerlo ad accondiscendere alle loro pretese, hanno preso a calci e pugni le porte di separazione tra la sala d’attesa e l’area di visita e scagliato una barella contro le porte, usandola come un ariete, spaventando anche i pazienti che attendevano di accedere alle cure mediche.

Il personale della Sezione Volanti dell’ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, rapidamente giunto sul posto, ha constatato la veridicità di quanto affermato nella richiesta d’intervento giunta alla sala operativa, trovando i segni delle intemperanze commesse dai due cittadini stranieri che, nel frattempo, verosimilmente immaginando che fossero state allertate le Forze di Polizia, si erano allontanati.

Immediatamente ricercati, i due giovani sono stati trovati sul vicino viale Mattei mentre lasciavano il presidio ospedaliero (senza aver atteso le cure richieste) e, alla vista degli operatori, hanno tentato di sottrarsi all’identificazione.

I due uomini, raggiunti, sono risultati sprovvisti di documenti. Mentre uno dei due, evidentemente più ragionevole, si è reso collaborativo, l’altro ha cercato di opporsi al necessario accompagnamento in Questura per identificazione, facendo attiva resistenza nei confronti degli operatori, che, non senza fatica, sono riusciti a costringerlo all’interno dell’abitacolo della “Volante” e lo hanno trasportato in ufficio.

Quest’ultimo è stato trovato in possesso un paio di forbici chirurgiche di cui non ha saputo giustificare il possesso, oggetto del quale il personale dell’ospedale, immediatamente contattato, ha denunciato il furto.

All’esito delle procedure di identificazione, i due cittadini stranieri, entrambi con vari precedenti di polizia, sono stati deferiti: uno, risultato inottemperante ad un precedente decreto d’allontanamento dal territorio nazionale, sarà espulso nelle prossime ore, mentre l’altro, quello in possesso delle forbici è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e furto aggravato.

All’esito dell’udienza, l’arresto è stato convalidato nella mattinata odierna e lo straniero è stato immediatamente associato al carcere ove attende la celebrazione del processo con rito direttissimo.

image_print

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 21752 posts and counting.See all posts by admin