L’allarme del WWF: “Barbagianni sparati! È emergenza bracconaggio in Campania”

Secondo Barbagianni sparato nelle campagne di Acerra. E poi Aironi, Poiane, Falchi, addirittura un esemplare della rarissima Aquila minore e rapaci notturni impiccati nelle campagne del casertano. In altre parole una strage! CRIMINI di NATURA.
“È emergenza bracconaggio in Campania – dichiarano il dott. Massimo Moffa, Responsabile regionale dell’Enpa in Campania e l’Arch. Piernazario Antelmi, Delegato regionale del WWF Italia per la Campania -. Nel territorio del comune di Acerra, località Frassitelli, in un mese sono stati sparati ben due Barbagianni (il barbagianni è un bellissimo rapace notturno molto utile all’equilibrio ecologico), addirittura il secondo è stato sparato ieri, martedì 29 novembre 2016, in una giornata di silenzio venatorio (nelle giornate di martedì e venerdì per legge non si può andare a caccia)”.
“È stato contattato il  Corpo Forestale dello stato, prima e la Polizia di Stato dopo – dichiarano dall’ENPA e dal WWF per il recupero ed il trasporto degli animali feriti – perché ricordiamo che solo il Corpo Forestale e la Polizia Provinciale sono deputati al recupero e trasporto di fauna selvatica ferita in Campania. Sicuramente – dichiara il dott. Alessandro Gatto, coordinatore regionale della vigilanza WWF in Campania – sarebbe opportuno che anche le Guardie Venatorie e zoofile potessero essere autorizzate a tale scopo, visto che il nostro primo obiettivo è la salvaguardia degli animali e del loro ruolo ecologico. Chiediamo con forza, dunque alla Regione Campania di modificare queste assurde restrizioni. In effetti noi volontari dell’ENPA E WWF, per amore degli animali e della Natura, spesso corriamo il rischio di trasportare questi animali direttamente soprattutto quando le condizioni sanitarie richiedono un pronto intervento. MA È ASSURDO CHE NON POSSIAMO EFFETTUARE QUESTO SERVIZIO UFFICIALMENTE!”
Gli animali fortunatamente sono stati trasferiti presso una struttura idonea che presterà il pronto soccorso e poi si trasferiranno in struttura per il recupero e l’eventuale restituzione alla Natura.
“In questa sede – continua il dott. Gatto – ci preme stigmatizzare il ruolo pericolosissimo del Bracconaggio in Campania, che negli ultimi tempi sta diventando una vera e propria piaga. Si assiste ad una crescita esponenziale dei CRIMINI CONTRO LA NATURA E GLI ANIMALI SELVATICI nella nostra regione”. “A tale scopo le Guardie dell’Enpa e del WWF – conclude il sig. Giuseppe Salzano, responsabile della delegazione ENPA di Casalnuovo di Napoli, promettono di intensificare i controlli, sempre in collaborazione con le Forze dell’ordine”.
image_print

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 21723 posts and counting.See all posts by admin