Caserta. Corso Trieste, Confcommercio al Comune: “Invochiamo sicurezza e apertura Ztl”

A seguito dell’ennesimo furto avvenuto in pieno centro a Caserta, questa volta ai danni della gioielleria Oro di Carbone, quando, sabato sera, dei malviventi hanno forzato l’espositore all’esterno della saracinesca del negozio sul Corso, i commercianti e tutte le realtà commerciali casertane invocano più sicurezza e chiedono al sindaco Carlo Marino di fare di più per la città. Corso Trieste, negli anni passati, era la strada più commerciale di Caserta. Negozi aperti e avventori che ravvivano una delle arterie principali. Oggi il Corso è deserto, una lunga strada buia, negozi quasi tutti chiusi: “fa paura – dicono i commercianti – il Corso è abbandonato a se stesso privo di qualsivoglia sicurezza, terra di nessuno” I commercianti sono lasciati soli a far fronte sia ad una crisi del mercato, sia in balia di ladri che tentano furti e rapine avvantaggiati dalla mancanza di vigilanza. Non passano le auto, grazie al varco attivo, e questo facilita il lavoro dei rapinatori.

A tal proposito interviene anche la Confcommercio Imprese per l’Italia  – Caserta. “Al titolare della Gioielleria Oro, Marco Carbone, va tutta la nostra solidarietà ma non basta, bisogna fare in modo che tali episodi non si verifichino più – ha detto il presidente della Confcommercio Caserta Stefano Iannotta – rafforzando la vigilanza nel centro di Caserta ed in particolare sul corso Trieste”.

“E’ arrivato il momento di dare respiro al commercio casertano – ha continuato il presidente Iannotta, preoccupato per lo stato d’abbandono in cui versa il Corso – la Confcommercio chiede un tavolo tecnico in Comune e l’immediata apertura della Ztl. Purtroppo le previsioni sulla ripresa delle aziende sono in netto ribasso e si prevede, per i commercianti casertani, un Natale povero tutto a favore dei grandi centri commerciali. Ancora una volta chiediamo un incontro con il primo cittadino il quale nega ogni dialogo con la Confcommercio che attende da tempo un confronto con codesta amministrazione. Ci schieriamo dalla parte dei commercianti ed invochiamo sicurezza, apertura della Ztl da subito, vigilanza e telecamere funzionanti. Un centro vissuto – ha chiosato il dott. Iannotta – ma anche organizzato per accogliere quanti vogliano camminare per le strade cittadine senza il timore di essere aggrediti e che i negozianti possano sentirsi al sicuro”. Per i commercianti si profila un altro Natale “buio” come il Corso dove ormai, solo poche anime si avventurano nei pochi negozi che resistono, forse, solo per nostalgia o speranza che le cose cambino, e che sia in meglio.

image_print

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 21723 posts and counting.See all posts by admin