Aversa. Siglato protocollo d’intesa tra la Procura di Napoli Nord e l’ANAC

Stamani è stato siglato un protocollo d’intesa tra la Procura di Napoli Nord, rappresentato dal procuratore Greco e l’ANAC, nella persona di Raffaele Cantone.

Questo particolare documento permetterà, infatti, lo scambio d’informazioni riguardanti situazioni “anomale” per lo meno sintomatiche di condotte illecite della pubblica amministrazione e non solo, l’autorità nazionale anticorruzione; il cui presidente è Raffaele Cantone presente presso il castello Aragonese, per mettere su carta la firma congiuntamente al Procuratore capo Francesco Greco.Presenti anche il presidente del Tribunale di Napoli Nord Elisabetta Garzo, il procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, il procuratore di Napoli Giovanni Colangelo, il procuratore della DDA di Napoli Giuseppe Borrelli, il magistrato del CSM Antonello Ardituro, il procuratore capo del Tribunale di SMCV Maria Antonieta Troncone,  il procuratore Giovanni Conzo, il questore di Napoli Guido Marino, il questore di Caserta Antonio Borrelli, i vertici dei carabinieri, della finanza e della polizia.

L’accordo prevede “compiti di vigilanza sulla corretta applicazione dell’accordo nel distretto di Napoli Nord con l’impegno di verificare la corretta e uniforme applicazione di dispositivi di collaborazione previsti nell’intesa”, una trasmissione reciproca di notizie, informazioni e atti, la condivisione di informazione relative a “indagni, procedimenti penali ed amministrativi di rispettiva competenza”. Del resto, la corruzione rappresenta un tema di carattere generale. Il settore degli appalti, poi, viene particolarmete “attenzionato” dalla criminalità organizzata, considerando le ingenti risorse. Da qui, la ragione d’essere della Direzione Distrettuale Antimafia. Nel dettaglio, la Procura invierà all’Anac copia delle richieste di rinvio a giudizio, implementate da eventuali ordinanze di applicazione della misura cautelare, nonché degli atti investigativi che le hanno supportate. A parte viene dedicato, inoltre, un paragrafo alle vittime che non denunciano, ossia relativo a circostanze in cui la stesse individuate mediante le loro generalità, abbiano omesso di denunciare i fatti all’autorità giudiziaria.

Christian de Angelis

image_print

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 21831 posts and counting.See all posts by admin