Aversa. Rifiuti e lavaggio strade, PaP: “La spettacolarizzazione della normalità da parte dell’assessore Caterino”

“Dopo l’avvio del lavaggio e la pulizia in Città si fanno proclami come se fosse stato debellato il Covid. Ma solo noi non siamo impressionati perché tutto questo dovrebbe essere la normalità per una Città? Scusate forse tutto questo, o questo poco, dovrebbe essere il quotidiano e la normalità per una Città di 53 mila persone e tra le più grandi del Casertano, come lo dovrebbe essere per ogni centro urbano di questi territori, invece si spettacolarizza il nulla”. Così il coordinamento politico di Potere al Popolo Aversa.

“L’assessore Elena Caterino si dovrebbe occupare anche e soprattutto delle tante discariche esistenti ad Aversa e delle loro bonifiche, come della lotta al sacchetto selvaggio, come si dovrebbe occupare dei roghi ai Cappuccini, dovrebbe interessarsi anche della petizione dell’amianto firmata da circa 400 cittadini ad Aversa consegnata a gennaio 2020, protocollata e mai discussa in consiglio comunale. Vorremmo una netta posizione dall’assessore all’ambiente Caterino, sulla questione della costruzione nella zona asi di Aversa Nord (che è situata in piena “Terra dei Fuochi”) contro un mega biodigestore , che dovrà trattare centinaia di migliaia di rifiuto organico, che porterà ad aumentare l’inquinamento dell’aria, rendendola ancor più insana, di conseguenza di un’aumento dell’inquinamento ambientale, oltre ad un drastico aumento del trasporto su ruote con Tir che saranno destinati al trasporto del materiale trattato da quest’impianto e cio’ portera’ ad un aumento dei rischi ambientali per questo già fragile e martoriato territorio, oltre ai danni e all’impatto che quell’impianto avrà su tutto. L’assessore dovrebbe anche occuparsi delle compostiere di comunità, acquistate dalla giunta comunale precedente e mai consegnate tramite bando ai cittadini. Come dovrebbe occuparsi del piano e delle risorse Regionali e dell’UE sulla realizzazione d’impianti cittadini di compostiere di comunità, che Aversa ha partecipato tramite bando e vincitrice per investimenti ad hoc. Il piano mai partito. Perché non si usano i fondi già stanziati per la rializzazione di questi impianti, che ridurrebbero le spese della Tari per i cittadini e l’inquinamento? Oltre a questo si dovrebbe rilanciare la differenziata con un nuovo programma e nuove misure , dato che dai registri si ha avuto un forte arretramento sulle quantità di riciclo cittadino. Oltre a questo vogliamo di più e non solo la normalità. Ad esempio il lancio ed uno studio, insieme ad altri assessori, di un piano di mobilità interna ed ecosostenibile, che limiterebbe le polveri sottili in Città e il loro superamento dei limiti di legge delle soglie di attenzione per la salute pubblica. I quali valori vengono costantemente violati sia nella nostra Città, sia nella Regione Campania che nel Paese,infatti siamo fanalino di coda in #Campania e in Europa e sempre più fuorilegge e condannati da severe multe dagli organi Comunitari dell’Ue. Invece qua si spettacolarizza un camion con del cloro che passa in Città. Siamo un popolo di imbecilli e meritiamo di essere presi per il ….? Siamo davvero cosi manovrabili da essere contenti di una pulizia che dovrebbe essere quotidiana e che invece diventa il caso del giorno ed una conquista di un’amministrazione? Noi di Potere al Popolo non siamo per nulla felici della spettacolarizzazione della normalità. Vogliamo di più per la nostra Città e per il territorio. Vogliamo un cambio di rotta ambientale in questa Città e in questi territori e le risorse ci sono, vanno presentati piani ecosostenibili adeguati e non piani per la costruzioni di nuovi ecomostri su questi territori”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 69067 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: