Lusciano. Caso funerale: parla il consigliere Grimaldi

“Come già dichiarato in altri post social, come Autorità mi faccio carico di tutte le responsabilità e rispondo a pieno titolo delle eventuali conseguenze. Preciso che al massimo c’erano una ventina di persone e sotto il mio controllo sono entrate in cimitero a piccoli gruppetti, tenendo le dovute distanze, muniti tutti di mascherina e guanti, e facendo solo un giro di saluto intorno la bara”. Così il consigliere comunale di Lusciano Claudio Grimaldi, raggiunto telefonicamente, al centro della polemica scoppiata ieri sulla presenza di persone al funerale del padre nonostante l’ordinanza anti-coronavirus che vieta esequie funebri.

“Il giorno delle esequie, si sono presentate decine di persone presso la mia abitazione, sono stato costretto a scendere e a mandarle via. Al cimitero, ad accompagnare la bara, siamo andati solo io, mia mamma, mia sorella. Se altre persone si sono accodati certamente non non state ‘invitate’ da me. Ma vi assicuro che erano al massimo una ventina di persone, tutti familiari, e stesso io, come Autorità, varcando il cancello del cimitero ho annunciato di prendermene tutte le responsabilità ed ho quindi proceduto a far si che entrassero a piccoli gruppi per un ultimo saluto al defunto. In tal caso mi prenderò le mie responsabilità: se devo dimettermi da consigliere comunale, lo farò. Non ho paura di nessuno”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 60742 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: