(VIDEO) Coronavirus: controllo della febbre e gel per chi arriva in Senato

Controllo della temperatura e disinfezione delle mani con un gel: sono le procedure previste da questa mattina per entrare in Senato. Da oggi ad attendere senatori, personale e giornalisti che hanno accesso a palazzo Madama c’è un’operatore che, munito di camice e mascherina, effettua i controlli con un scanner termico. I controlli vengono effettuati all’accesso principale su Corso Rinascimento e ai due accessi laterali, gli unici da cui sarà possibile accedere in Senato. Al momento non ci sono file eccessive anche se la misurazione della temperatura richiede qualche minuto per essere completata. I nuovi “protocolli ” per accedere a palazzo Madama sono stati decisi ieri dai senatori e prevedono, tra l’altro, anche l’interruzione delle visite scolastiche.

Il Presidente del Senato Elisabetta Casellati, in sintonia con le disposizioni governative e con i protocolli sanitari internazionali, comunica che sono state varate una serie di misure di prevenzione necessarie ad affrontare l’emergenza Coronavirus e a garantire al contempo la continuità dell’attività legislativa. Ciò grazie al lavoro e alle indicazioni del Collegio dei Senatori Questori, della Conferenza dei Capigruppo, del Personale amministrativo e del Direttore del Presidio Sanitario del Senato.

Il Presidente del Senato aggiunge: “Si tratta di una serie di controlli, accertamenti sanitari e limitazioni nelle modalità di accesso al Senato che sono state rese operative già da questa mattina. Sono stati sospesi inoltre tutti i convegni e le aperture di Palazzo Madama al pubblico, le visite delle scolaresche e dei gruppi. Le Commissioni parlamentari, laddove possibile, effettueranno le audizioni in video conferenza”.

“Il nostro Paese sta attraversando una fase molto critica e delicata. L’emergenza va affrontata con senso di responsabilità e di collaborazione, adottando i protocolli necessari a limitare l’area del contagio e a salvaguardare la salute pubblica. Da parte di Istituzioni, politica e cittadini serve un grande impegno comune rispetto al quale il Senato che presiedo sta facendo la sua parte” conclude il Presidente Casellati.


Misure adottate dalla Camera dei deputati per l’emergenza coronavirus

Il Collegio dei Questori della Camera dei deputati, vista la situazione di emergenza epidemiologica da Covid-19 (cosiddetto “nuovo Coronavirus”), ha adottato in data odierna una serie di misure per la prevenzione della diffusione del virus.

Tali misure si aggiungono a quelle già adottate, sulla base delle indicazioni delle autorità sanitarie competenti, per la gestione delle eventuali emergenze attraverso il Servizio medico e d’urgenza della Camera.

Le ulteriori misure precauzionali di prevenzione e protezione all’interno delle sedi dell’Istituzione parlamentare, adottate in data odierna, si sono rese necessarie per la recente evoluzione della situazione emergenziale e tengono conto delle più recenti misure adottate dalle competenti autorità preposte alla tutela della salute pubblica, nell’intento di preservare la piena continuità dell’esercizio delle funzioni istituzionali della Camera dei deputati.

In questo contesto, il Collegio dei Questori – oltre ad approvare talune indicazioni operative per i frequentatori delle sedi della Camera, in linea con le direttive definite dai più recenti provvedimenti adottati dalle autorità sanitarie competenti – ha deliberato le seguenti ulteriori misure:

1. E’ sospeso lo svolgimento delle seguenti iniziative:

– convegni, seminari ed eventi di qualsiasi natura aperti a soggetti esterni presso tutte le sedi della Camera dei deputati, comprese le sale a disposizione dei Gruppi parlamentari;

– “Montecitorio a porte aperte” e “Insula Sapientiae”

– visite scolastiche, giornate di formazione e ogni altra iniziativa rivolta alle scuole e alle Università;

– visite di gruppo.

2 Presso la Sala conferenze di Palazzo Montecitorio potranno avere luogo esclusivamente conferenze stampa svolte da deputati o da gruppi parlamentari, con la sola presenza di giornalisti accreditati dall’Associazione stampa parlamentare ovvero degli altri soggetti già accreditati all’accesso ai Palazzi.

3 Ciascun deputato potrà ricevere ospiti nel limite massimo di tre al giorno; per tali ospiti è sospesa la possibilità di utilizzo dei servizi di ristorazione. L’accesso degli ospiti dei deputati sarà consentito esclusivamente dagli ingressi di piazza del Parlamento 24, di via degli Uffici del Vicario 21 e dagli ingressi del complesso di Vicolo Valdina, di Palazzo Theodoli e di Palazzo del Seminario. Gli ospiti dei deputati potranno accedere esclusivamente alla Galleria dei Presidenti sita al piano Aula di Palazzo Montecitorio ovvero agli uffici dei deputati e dei Gruppi parlamentari.

4 I Gruppi parlamentari potranno richiedere l’accesso di soggetti esterni nel limite massimo di dieci nel corso di ciascuna giornata.

5 Presso gli ingressi delle sedi della Camera e presso i locali di uso comune saranno resi disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani nonché materiali informativi.

6 Saranno allestiti presso gli ingressi delle sedi della Camera dei deputati strumenti per la misurazione della temperatura corporea.

Le misure adottate sono in vigore dalla data odierna sino al 15 marzo 2020 e sono suscettibili di proroga, modifica o integrazione in relazione all’evoluzione dell’emergenza epidemiologica in atto.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 60926 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: