Aversa. Allarme smog, stop veicoli: partono domeniche ecologiche

“Oggi ho firmato l’ordinanza per abbattere i livelli di inquinamento dell’aria, dopo che l’Arpac ha rilevato 69 giornate di sforamento delle pm10. Sforamenti in gran parte dovuti al traffico veicolare che ingolfa le strade della nostra città. È un provvedimento drastico ma assolutamente necessario per la vivibilità cittadina”. Lo dichiara il sindaco di Aversa, Alfonso Golia.

“Dal monitoraggio della qualità dell’aria che stiamo effettuando è emerso che c’è un drastico aumento di giornate in cui sono stati sforati i limiti di pm10 consentiti dalla legge. Per fronteggiare l’inquinamento il sindaco ha firmato un’ordinanza con cui si prevede un ciclo di domeniche ecologiche e lo stop alla circolazione durante la settimana delle auto da euro 1 a euro 3″. Lo annuncia la presidente della Commissione ambiente del Consiglio comunale di Aversa, Elena Caterino.

Le seguenti strade non saranno interessate dalle domeniche ecologiche: Viale Europa, Viale Kennedy, Viale della Libertà, Viale Olimpico, Via Gramsci, Via Filippo Saporito, Via Atellana, Via Torrebianca, Via Di Giacomo, Via D’Acquisto, Via Diaz, Piazza Mazzini, Via Fermi, Via Nobel, Via Arturo Garofano, via dell’Archeologia, via Madonna dell’Olio, via Pastore.

“Le domeniche ecologiche – spiega – si terranno il 23 febbraio, il 15 e 22 marzo, il 19 aprile e il 10 maggio. Dal 24 febbraio al 29 maggio dalle 9 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19 sarà vietata la circolazione alle auto maggiormente inquinanti. Tutte le iniziative che adotteremo ed in particolare quelle relative alla mobilità cittadina, saranno guidate da un obiettivo prioritario che è quello della tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini. Per questo e per promuovere una mobilità più aderente a stili di vita che non abbiano la circolazione veicolare come unicità di trasporto, abbiamo disposto l’interdizione del traffico veicolare per alcune domeniche in alcune fasce orarie”.

“Sempre più inquinata l’aria di Aversa: in passato si è cambiato senso di marcia, tanti i provvedimenti tampone , ma le auto circolanti, inutile illudersi,  sono sempre troppe e le strade sono sempre le stesse. Aversa, per mobilità, è una città ad una sola dimensione, l’autovettura privata: i mezzi pubblici assolutamente insufficienti – mai certezza di un orario di partenza e di arrivo – mentre  pedoni e ciclisti fanno ‘percorsi di guerra’ per raggiungere la meta. Risultato: aria di Aversa da maschera antigas con i bambini e gli anziani particolarmente esposti a rischi di patologie respiratorie”. E’ quanto dichiarano Raffaele Lauria, Presidente provinciale del Wwf Caserta ed Alessandro Gatto Coordinatore della Vigilanza Ambientale WWF che continuano “ma bisogna avere coraggio ed uscire dalla logica dei provvedimenti tampone e realizzare un nuovo progetto di mobilità cittadina, oltre che, ovviamente una nuova cultura green per la città di Aversa”.

“Per ridurre il rischio salute causato dalle polveri sottili PM10, prodotte dagli scarichi delle automobili e dagli impianti di riscaldamento, nei primi giorni del nuovo anno moltissime città italiane sono state costrette ad imporre il blocco del traffico veicolare e disporre la riduzione dell’orario di accensione e della temperatura degli impianti di riscaldamento. L’Agenzia Europea dell’Ambiente, a sua volta, ha fornito una serie di consigli uno dei quali si riferisce all’alimentazione, invitando i cittadini a consumare verdura fresca, frutta e cibi con proprietà antiossidanti e possibilmente a filiera corta (a Km=0). Le principali cause dell’inquinamento atmosferico ad Aversa sono ascrivibili , come in tutte le città d’Italia che hanno lo stesso problema, al traffico veicolare che attanaglia la città, ai prodotti volatili del riscaldamento di uffici pubblici e abitazioni, ma anche all’inquinamento del territorio legato allo smaltimento abusivo di rifiuti di origine industriale, di rifiuti urbani e di rifiuti speciali troppo spesso bruciati, sia nelle campagne che all’interno della città. Per impedire i depositi abusivi si sta lavorando sia a livello istituzionale che a livello di volontariato ( sono centinaia le segnalazioni che ogni anno le Guardie Ambientali WWF fanno alle autorità competenti), ma per fronteggiare il flusso di traffico dovuto agli oltre 39 mila veicoli intestati ai cittadini, registrati nel 2014 dall’Aci, e quindi, probabilmente circolanti, ai quali vanno aggiunti migliaia di veicoli provenienti dai comuni dell’hinterland che per tantissime ragioni arrivano quotidianamente ad Aversa contribuendo con gli scariche ad inquinare l’ambiente, poco o nulla è stato mai fatto dalle precedenti amministrazioni. Pertanto ok alle domeniche ecologiche a patto che sia un punto di partenza di un nuovo percorso green della città di Aversa a tutela della salute dei cittadini e non un’esperienza episodica”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 64846 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: