Saldi, promozioni, sconti: tutti su internet, alla ricerca dell’offerta migliore

Che il commercio elettronico sia ormai una delle attività preferite dagli italiani, si sa, e lo confermano i dati di settore, che ne mettono in risalto il successo e la diffusione, anche tra gli abitanti del Belpaese, al pari degli altri luoghi del mondo, tenendo comunque conto di varianti di tipo geografico, culturale, economico e di età.

Già dal 2017 al 2018, stando ai dati di uno dei principali report di settore – ovvero quello di Casaleggio Associati – c’è stata una crescita di 18 punti percentuali, con una spesa di 41,5 miliardi di euro in e-commerce. Si tratta di una cifra che assume una particolare connotazione pensando che, sempre in merito alla ricerca di cui sopra, hanno comprato online ben 38 milioni di italiani, i quali rappresentano il 62 per cento circa della popolazione totale. Importante è anche la modalità di acquisto tramite e-commerce, che vede sempre di più prevalere l’utilizzo di dispositivi mobili (in pratica il 48 per cento degli italiani sono “mobile shopper”) e fa riscontrare una sempre minor diffidenza rispetto agli acquisti dai mercati esteri.

Ma cosa comprano, e che vantaggi cercano, gli italiani in Rete?

Tra gli indiscussi vantaggi degli acquisti via web c’è – visto anche il dato relativo agli acquisti da siti stranieri – la ricchezza dell’offerta di prodotti e servizi, mentre all’uso crescente dei dispositivi mobili per tali attività va di certo connessa una praticità e una velocità che il negozio fisico – pur avendo altri vantaggi – non può garantire.

Un ulteriore vantaggio connesso all’uso degli acquisti online è il risparmio, e in questo caso – sempre in relazione all’utilizzo della tecnologia mobile – si dimostrano piuttosto utili anche le app, come ad esempio quelle di comparazione dei prezzi per le varie utenze e/o servizi o di controllo delle spese, tra le quali si segnalano:

  • Oval Money, che consente un monitoraggio sulle spese;
  • The Fork , per ottenere sconti al ristorante;
  • Altroconsumo, che offre un servizio equiparabile a un calcolatore online;
  • Expedia e Trivago, per quanto riguarda le prenotazioni turistiche ed i viaggi.

Del resto gli operatori di commercio elettronico si sono organizzati anche per velocizzare la compravendita, con tempi di consegna rapidi e con servizi di recapito agevolati, a prezzo contenuto (si pensi, ad esempio, ad Amazon Prime).

L’incremento di pacchi recapitati in Italia nell’ultimo periodo (di 7,8 punti percentuali in piú nei primi 9 mesi del 2019 rispetto all’anno precedente, secondo le stime di Poste Italiane) segna dunque, come detto, un sempre maggiore uso dell’e-commerce da parte della popolazione italica e, tra gli altri fattori da considerare, ci sono di certo anche le agevolazioni di molti siti sulle spese di spedizione, di solito oltre una certa cifra di spesa.

Bonus e periodi di prova gratuiti: le offerte dell’entertainment

Ma quali sono gli altri vantaggi connessi all’uso del web negli acquisti e nella sottoscrizione dei più diversi servizi, come ad esempio quelli di intrattenimento?

Come fidarsi di un acquisto effettuato sul web?

Oltre ai già citati servizi di comparazione, molte aziende mettono a disposizione bonus e periodi di prova gratuiti.

L’intrattenimento (uno dei motori dell’e-commerce, che copre, in pratica il 40 per cento del fatturato, nella categoria del tempo libero) offre molti esempi a riguardo.

Servizi di tv in streaming come Netflix e Infinity offrono infatti dei periodi di prova gratuita della piattaforma, così come nel mercato videoludico è stata introdotta la variante dei “giochi in prova” all’interno dell’e-shop del sito di riferimento (nel caso di Nintendo, ad esempio.

Lo stesso vale per i bonus di benvenuto, come lo star casino bonus, per esempio, che offre a tutti gli appassionati free spins gratuiti prima ancora di effettuare il deposito, e non mancano anche altri operatori sul mercato con altrettante promozioni.

 

Il social media marketing, un’opportunità sempre più concreta

L’effetto dell’e-commerce ha coinvolto, inevitabilmente, anche i social media, come Facebook e Instagram, che ormai rappresentano una certezza per il futuro.

Oltre alle possibilità di pagine pubblicitarie e di inserzioni, nonché ai nuovi tasti di acquisto diretto, questi strumenti rappresentano una forma di interazione con i venditori e con le aziende, e sono dunque indispensabili per la strategia d’impresa.

Non a caso sono nate figure professionali specializzate che si occupano proprio di gestire i profili social delle imprese, utilizzando tutti gli strumenti che il web mette a disposizione e migliorando, così, la reputazione aziendale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 56226 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: