Castel Volturno. Arrestato il patron della ‘Clinica Pineta Grande’

RIVELLINI E RISPOLI (FDI): L’ARRESTO DI SCHIAVONE NON METTA IN PERICOLO ATTIVITA’ DI PINETA GRANDE

I carabinieri hanno arrestato e sottoposto ai domiciliari Vincenzo Schiavone, patron della clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Sulla vicenda sono intervenuti i dirigenti nazionali di Fratelli d’Italia, On. Enzo Rivellini e Luigi Rispoli.

“Senza voler minimamente intervenire sulla vicenda giudiziaria che riguarda il dott. Vincenzo Schiavone –hanno dichiarato i due esponenti del partito di Giorgia Meloni- sentiamo però la necessità di esprimere preoccupazione per quelle che potrebbero essere eventuali ripercussioni sulle attività della clinica Pineta Grande.

Non vi è dubbio, infatti, che in questi anni Pineta Grande è diventata un Centro di Eccellenza della sanità campana anche per pazienti extra-regione. Sono stati raggiunti alti livelli qualitativi sia per ciò che attiene le prestazioni mediche e che i processi organizzativi.

150 posti letto autorizzati grazie all’accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale che rispondono alle esigenze di un territorio dove non esistono altre strutture del genere. Confidiamo –hanno concluso Rispoli e Rivellini- che la doverosa inchiesta in corso non condizioni le attività del presidio ospedaliero e che si possa mantenere un alto livello della qualità dei servizi ed anche una gestione che non metta in discussione i livelli occupazionali”.


Inchiesta Pineta Grande, Ciarambino: “De Luca firmava tutti i decreti e non poteva non sapere”

“L’ennesima inchiesta che travolge la sanità regionale della Campania non sorprende certo noi che da cinque anni denunciamo la deriva verso la privatizzazione dell’intero settore. Una deriva perfezionata da De Luca a suon di decreti che puntano a favorire il sistema della sanità privata, contestualmente a una sistematica opera di smantellamento del pubblico. A partire dal decreto che definisce tetti di spesa delle cliniche private, commisurandoli non al reale fabbisogno di salute dei cittadini, quanto alla capacità operativa massima della struttura. Da commissario ad acta De Luca ha firmato ogni singolo decreto monocratico, compresa una circolare adottata dalla struttura commissariale e finita al centro dell’inchiesta, che i pm ritengono frutto di una “chiara ingerenza” del principale indagato, ovvero il re delle cliniche Vincenzo Schiavone”. Così la capogruppo regionale M5S e responsabile nazionale Sanità Valeria Ciarambino.

“Dunque, nell’eventualità che fossero confermate le accuse sul sistema di corruzione messo in piedi per realizzare ampliamenti edilizi nella clinica Pineta Grande e che vedono coinvolto in prima persona il direttore della sanità regionale e già responsabile della struttura commissariale Antonio Postiglione, il governatore non poteva non sapere. Ci aspettiamo – conclude Ciarambino – le dimissioni immediate di Postiglione, in attesa che sia fatta chiarezza sul suo coinvolgimento in un’indagine che getta gravi ombre sull’intero sistema di gestione della sanità regionale, settore che assorbe circa l’80% del bilancio della Campania”.

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 58877 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: