Esplosione cascina, proprietario ha confessato

Prima il fermo questa notte e poi la confessione. E’ la cronistoria sugli sviluppi dell’esplosione della cascina di Quargneto (Alessandria) dove sono morti tre Vigili del Fuoco.

I carabinieri lo hanno eseguito nella notte nei confronti dell’uomo ritenuto responsabile di disastro doloso, omicidio e lesioni volontarie per l’esplosione che la notte tra il 4 e il 5 novembre ha distrutto un cascinale.

Una tentata frode all’assicurazione dietro la tragedia di Quargnento per la quale i militari dell’Arma dei Carabinieri hanno fermato la scorsa notte Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina esplosa in cui sono morti tre vigili del fuoco. Lo rende noto il procuratore di Alessandria Enrico Cieri nel corso di una conferenza stampa.

L’uomo fermato ha confessato, negando però l’intenzione di volere uccidere. La moglie di Vincenti, è invece indagata a piede libero. Giovanni Vincenti e la moglie, ha spiegato il procuratore di Alessandria, erano “fortemente indebitati. Lo scorso agosto – ha spiegato – l’assicurazione dell’edificio era stata estesa al fatto doloso. Il premio massimale era di un milione e mezzo di euro”.

(ANSA)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 53691 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: