Pericolo fumo di terza mano: le sostanze nocive rimangono sui vestiti e l’odore causa litigi

Oramai è risaputo che il fumo delle sigarette causa notevoli danni all’organismo umano. Spesso, però, il pensiero relativo alle principali malattie favorite dal tabagismo ci porta a non considerare altre conseguenze, che si dimostrano negative non solo per chi fuma, ma anche per chi frequenta il fumatore, e addirittura per chi si limita ad avvicinarsi.

Stiamo parlando del problema comunemente noto come “fumo di terza mano”, un tema che richiede senza dubbio un approfondimento.

Fumo di terza mano: cos’è e perché fa male

Per “fumo di terza mano” ci si riferisce alle sostanze nocive delle sigarette, che si depositano sui vestiti delle persone che si trovano nell’ambiente frequentato dal fumatore. Anche se in realtà la definizione in questione riguarda il deposito di questi elementi chimici su qualsiasi superficie nelle vicinanze.

Molto spesso tendiamo a sottostimare le conseguenze di questo fenomeno che, invece, si dimostra pericoloso per la salute. In primo luogo il fumo di terza mano non risparmia i bambini e nemmeno gli animali domestici in casa: due delle categorie in assoluto più sensibili ai danni prodotti dalle sigarette. In secondo luogo, queste sostanze (come la nicotina, fra l’altro) possono diffondersi in maniera massiccia, per via della volatilità delle loro particelle e possono introdursi nell’organismo non solo attraverso le vie respiratorie, ma anche per via transdermica, in quanto capaci di attraversare lo strato cutaneo.

Fra le conseguenze più diffuse troviamo casi di irritazione delle vie respiratorie, reazioni cutanee e allergiche.

Anche l’odore delle sigarette sa come farsi invasivo e particolarmente sgradevole. Si tratta di una problematica che, in certi casi, può dare il via a importanti diverbi, come accade ad esempio alle coppie dove uno dei due partner non fuma. Al punto che, secondo alcune ricerche di settore, questa situazione causa problematiche di coppia nel 39% dei casi.

I metodi per evitare il rischio del fumo di terza mano

Esistono alternative utili per ridurre le sostanze nocive inalate o trasmesse alle persone vicine. Basterebbe – ad esempio – scegliere di abbandonare le sigarette tradizionali per passare alla loro diretta evoluzione tecnologica, che tra l’altro permette di scegliere tra i tanti liquidi per sigaretta elettronica disponibili sul mercato.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 51436 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!