Trentola Ducenta. Arrestato il sindaco Andrea Sagliocco

Autorizzazione amministrative rilasciate ad imprenditori in cambio di favori o assunzioni nelle loro aziende di persone indicate dalla politica.

E’ la principale accusa contestata al sindaco di Trentola Ducenta (Caserta) Andrea Sagliocco, chirurgo oculista di 45 anni, in carica da appena un anno (giugno 2018) finito agli arresti domiciliari nell’ambito di un’indagine della Procura di Napoli Nord, coordinata dal procuratore Francesco Greco.

I DESTINATARI DELLE MISURE

Andrea Sagliocco 1974 sindaco di Trentola Ducenta – arresti domiciliari

Giovanni Addario 1982 San Prisco – obbligo di firma

Elena Bassolino 1968 Sant’Anastasia – divieto di dimora

Aurelio Costanzo 1983 Trentola Ducenta – obbligo di firma

Raffaele De Caprio 1965 Trentola Ducenta – obbligo di firma

Salvatore De Marco 1966 San Marcellino – obbligo di firma

Agostino Fabozzi 1958 Trentola Ducenta – divieto di dimora

Saverio Fabozzi 1952 Trentola Ducenta – obbligo di firma

Mauro Felaco 1981 Casaluce – divieto di dimora

Saverio Griffo 1975 Trentola Ducenta – arresti domiciliari

Luigi Letizia 1963 San Cipriano d’Aversa – obbligo di firma

Luigi Lorvenni 1968 Trentola Ducenta – obbligo di firma

Salvatore Mazzara 1973 Trentola Ducenta – obbligo di firma

Giuseppe Melucci 1966 Trentola Ducenta – divieto di dimora

Nicola Zagaria – consigliere comunale di Trentola Ducenta – divieto di dimora

Contestati, tra gli altri, a vario titolo, i reati di corruzione e concussione. Quindici le misure cautelari emesse dal Gip di Napoli Nord ed eseguite dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Aversa a carico di collaboratori del sindaco, imprenditori, funzionari e impiegati del comune casertano, già colpito qualche anno fa da un’altra indagine che aveva toccato il sindaco in carica, Michele Griffo, finito in carcere con altri esponenti dell’amministrazione per un’inchiesta di camorra relativa al centro commerciale ubicato a Trentola Ducenta.

(ANSA)

La nota stampa della Procura Napoli Nord – Aversa:

In data odierna, allesito di unindagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Aversa (Ce) hanno dato esecuzione – in San Marcellino (Ce), San Prisco (Ce), Sant’Anastasia (Na), Trentola Ducenta (Ce), Aversa (Ce), Casaluce (Ce) e San Cipriano d’Aversa (Ce) – a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari – emessa dal GIP del Tribunale di Napoli Nord – nei confronti dell’attuale sindaco del Comune di Trentola Ducenta (Ce) e di 14 persone (tra cui funzionari ed impiegati del citato Ente locale, nonché collaboratori del sindaco e imprenditori), per i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, concussione, falsità ideologica commessa dal P.U. in atti pubblici, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, peculato, favoreggiamento personale, contestati a vario titolo agli indagati.

L’attività di indagine – supportata da consulenze tecniche, dalle risultanze di intercettazioni ambientali e telefoniche, nonché dall’espletamento di interrogatori ed audizione di persone informate sui fatti ha consentito di raccogliere, secondo l’ipotesi accusatoria avvalorata dal GIP – un grave quadro indiziario in ordine a una fitta rete di rapporti tra esponenti politici (sindaco e un consigliere di maggioranza), del settore amministrativo comunale (riconducibili all’area lavori pubblici e all’area urbanistica, nonché all‘UTC) e imprenditori locali, finalizzata alla commissione di numerosi illeciti, con riferimento al rilascio di autorizzazioni amministrative e all’affidamento di lavori pubblici in violazione delle disposizioni del Codice degli Appalti.

In particolare, oltre ad irregolarità nell’affidamento diretto di lavori, è emerso un illecito sistema di gestione del comune di Trentola Ducenta attuato attraverso un ostruzionismo amministrativo a carico di imprenditori vittime che, al fine di evitare prospettate conseguenze negative sotto il profilo del rilascio di autorizzazioni amministrative, hanno ceduto alla richiesta di assumere persone indicate dagli indagati o di fornire varie utilità. Sono anche emerse situazioni riguardanti imprenditori collusi che hanno garantito l’elargizione di favori a fronte del rilascio di autorizzazioni amministrative illegittime.

Nel complesso sono state eseguite 2 misure degli arresti domiciliari (tra cui il Sindaco di Trentola Ducenta), 5 divieti di dimora nella provincia di Caserta con contestuale sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio (solo per alcuni) e 8 obblighi di presentazione alla P.G. 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 52319 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!