Casaluce. Casi Di Grazia, Ronza e Di Martino, Tatone risponde alla minoranza

Il sindaco di Casaluce, Antonio Tatone, fa chiarezza su altri due argomenti trattati dalla minoranza consiliare del gruppo UpC attraverso esposti che (giustamente) hanno come obiettivo quello di fare luci su alcuni atti amministrativi.

La minoranza di ‘Uniti per Cambiare’, guidata da Antonio Cutillo, Antonio Comella ed Arturo Spina, ha chiesto informazioni utili sulla procedura di nomina dell’architetto Maurizio Di Grazia ma anche sull’assunzione del comandante dei vigili urbani, il dottor Ronza.

E il sindaco Tatone, come giusto che sia, non si tira indietro e dà le necessarie risposte alla minoranza ma soprattutto alla cittadinanza di Casaluce. Partendo dalla ‘vicenda’ Di Grazia, Tatone sottolinea che “subito dopo la vittoria elettorale, ho firmato praticamente uno dei miei primi atti da sindaco proprio per l’architetto Di Grazia. Con un decreto ho affidato al professionista le responsabilità ad Ambiente, Manutenzione e Idrico. La minoranza, probabilmente, non è venuta a conoscenza di questo provvedimento, e noi per questo motivo siamo qui a fare chiarezza”.

Sulla vicenda Ronza, invece Tatone è lapidario perché “la procedura di assunzione è partita già durante l’amministrazione uscente di Nazzaro Pagano. Quindi i meriti, al di là di quelli che sono i colori politici, sono esclusivamente della maggioranza uscente e di quella che ha vinto le elezioni. La minoranza è, purtroppo, arrivata con qualche mese di ritardo a ‘scoprire’ la vicenda. Dopo la sentenza del giudice del Lavoro, fu fatta partire tutta la procedura, e qualche giorno fa abbiamo inviato la lettera di assunzione al nuovo comandante dei vigili Ronza. E’ bene ricordare un altro ‘piccolo’ errore della minoranza: Ronza non è vincitore di concorso, ma diventa comandante dei vigili per scorrimento della graduatoria, vista la rinuncia della persona che lo aveva preceduto in graduatoria”.

In chiusura una precisazione anche su Ludovico Di Martino, che è stato responsabile della polizia municipale per ‘assenza’ della figura di comandante: “Di Martino non ha guadagnato nemmeno un euro in più per questa responsabilità. Ludovico Di Martino è in possesso di un Decreto Prefettizio (da quasi un ventennio) per tale responsabilità ed ha sempre ricevuto lo stesso stipendio. Chi vuole dire il contrario, mente sapendo di mentire”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 51777 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!