Comunali Casapulla, Di Giovanni a sostegno di Sarogni

Efficienza della macchina amministrativa, partecipazione attiva della cittadinanza alla vita politica del paese, pulizia dei quartieri: sono questi solo alcuni dei temi cari ad Antonio Di Giovanni, anche lui tra i sostenitori di Casapulla C’è che hanno dato la disponibilità a scendere in campo alle prossime amministrative.

Funzionario della Corte dei Conti, Antonio ha le idee ben precise su obiettivi e proposte da portare avanti. «L’idea di candidarmi a consigliere comunale nel comune di Casapulla – ha raccontato – è maturata più di due anni fa, quando ebbi modo di avvicinarmi a persone che intendono amministrare in modo diverso, favorendo la partecipazione e gestendo la cosa pubblica con trasparenza. Ho trovato in Michele Sarogni e nel gruppo che anima “Casapulla C’è” il motivo e la risposta a molti miei dubbi: e subito mi sono sentito a mio agio, mi ci sono identificato. Mi candido perché con il mio impegno, l’esperienza maturata sul lavoro e lo studio, ho acquisito le competenze necessarie per mettermi al servizio dei miei concittadini. La politica non è improvvisazione: non basta avere idee geniali, occorrono competenza, costanza e soprattutto disponibilità ad ascoltare. Mi occuperò, sin da subito, di risolvere i piccoli problemi, senza promettere nulla di impossibile. In questi periodi di grave crisi economica e sociale, i programmi e gli intenti spesso non sono onorabili. Non ho intenzione di prendere in giro nessuno e, dunque, evito di leggervi “il libro dei sogni”, un inutile elenco di propositi – magari anche buoni – che poi risulterebbero probabilmente irrealizzabili. Ma ho il dovere di esternare il mio punto di vista. Tra le tante cose, credo sia essenziale nei prossimi anni rendere più efficiente la macchina amministrativa, aumentare la partecipazione dei casapullesi alla vita politica e amministrativa della nostra cittadina, far diventare più sicuri e più puliti quartieri e strade. Affronterò questi temi basandomi sull’ascolto ed il confronto continuo, con un atteggiamento altruistico e, soprattutto, consapevole della Responsabilità che andrò ad assumere. Sento dire da più parti che per candidarsi ci vogliono i voti. Io non ho una famiglia numerosa, ma ho voglia di fare, capacità, passione e amore per il mio Paese. Un buon politico dovrebbe essere scelto non tenendo conto delle conoscenze che ha, ma per i suoi valori. Sogno questo tipo di politica e sono pronto a portarla avanti con il sostegno dei casapullesi».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 50952 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!