Per il prete pedofilo scatta la prescrizione… e la Curia lo riabilita

La vittima è difesa dall’Avvocato di Aversa Sergio Cavaliere presidente del movimento“Non abbiate Paura”.

IL GIUDICE LO HA ASSOLTO PER PRESCRIZIONE – GUARDA IL DECRETO

Un prete pedofilo viene salvato dalla prescrizione dei reati. Una prescrizione alla quale il prete avrebbe potuto rinunciare per affermare con pienezza la propria innocenza. Invece non lo ha fatto. Per la giustizia degli uomini non potrà essere processato per quei reati commessi diversi anni fa.

Una prescrizione che sta bene anche alla chiesa tanto che a Don Jan Mazurkiewicz (conosciuto come Don Giovanni) viene assegnata una nuova parrocchia, con tanto di bambini. Insomma, si potrebbe affermane: altra “carne fresca”. La comunità religiosa di Pizzone (Isernia) è in rivolta contro la nomina di don Giovanni, i fedeli, infatti, non accettano di buon grado la scelta del vescovo della diocesi Isernia Venafro di affiancare il prete polacco a padre Etienne, che da mesi ormai ha conquistato il cuore dei pizzonesi. Insomma, lo scandalo mediatico che lo scorso anno ha colpito don Giovanni a seguito dell’accusa di abusi e molestie da parte di un ragazzo polacco – Giorgio B. – a lui molto vicino da bambino, ha lasciato il segno nei parrocchiani di Pizzone. Attualmente don Giovanni – dopo un procedimento canonico interno alla Curia – risulta “riabilitato” dalla Chiesa che lo ha assolto e l’inchiesta aperta dalla Procura di Isernia archiviata senza conseguenze per intervenuta prescrizione. I fedeli hanno minacciato che lasceranno la chiesa deserta se il Vescovo insisterà in questa sua decisione di destinare don Giovanni a Pizzone. 

La comunità religiosa di Pizzone è in rivolta contro la nomina di don Giovanni M. I fedeli, infatti, non accettano di buon grado la scelta del vescovo della diocesi Isernia-Venafro di affiancare il prete polacco a padre Etienne, che da mesi ormai ha conquistato il cuore dei pizzonesi.

A Camillo Cibotti non le hanno mandate a dire e proprio l’altra sera, in occasione della lectio magistralis in programma presso la chiesa San Nicola di Bari del piccolo paese mainardico, un nutrito gruppo di fedeli ha mostrato contrarietà per la nomina contestando apertamente la decisione della diocesi.

«Una scelta inopportuna – hanno spiegato i credenti al vescovo -. Mandare un prete che in passato è stato “chiacchierato” in una piccola comunità non è accettabile. Anche perché la comunità non vuole assolutamente che padre Etienne vada via».

Insomma, lo scandalo mediatico che lo scorso anno ha colpito don Giovanni a seguito dell’accusa di abusi e molestie da parte di un ragazzo polacco – Giorgio B. – a lui molto vicino da bambino, ha lasciato il segno nei parrocchiani di Pizzone e non solo. Attualmente don Giovanni – dopo un procedimento canonico interno alla Curia – risulta “riabilitato” dalla Chiesa che lo ha assolto e l’inchiesta aperta dalla Procura di Isernia archiviata senza conseguenze, tuttavia i pizzonesi temono che l’attenzione mediatica possa riversarsi a questo punto su di loro, che da inizio aprile lo avranno quale guida spirituale, seppure affiancato per un periodo da padre Etienne.
Il prete polacco era stato in qualche modo allontanato da Acquaviva d’Isernia in attesa di chiarimenti. Chiarimenti che poi sono arrivati e che lo hanno scagionato. Il caso esattamente un anno fa fece grande scalpore, con tanto di servizi televisivi da parte di emittenti nazionali: da Pomeriggio 5 a Le Iene che ospitarono la testimonianza di Giorgio B. il quale affermava di aver ricevuto attenzioni particolari dall’uomo di chiesa quando era bambino.

Le Iene continuano ad indagare sul legame esistente tra sacerdoti e presunti abusi. Al centro del nuovo servizio andato in onda ieri, Jurek, un giovane che ha denunciato al programma di Italia 1 di aver subito abusi sessuali, all’età di 13 anni da parte di un prete che ancora oggi, molti anni dopo, continua a lavorare in una parrocchia del Molise, stando a stretto contatto con piccoli fedeli. Jurek oggi ha 34 anni ma ricorda ancora perfettamente ciò che gli sarebbe accaduto quando era appena un ragazzino. La sua è stata un’infanzia non semplice: viveva in Polonia ed il padre era dipendente dall’alcol. Per questo frequentava spesso la Chiesa, “per staccarsi un attimo da questo ambiente un po’ malsano”. A causa della sua situazione familiare delicata, dunque, il giovane trova conforto proprio nella Chiesa. In questo contesto Jurek conosce il prete che poi avrebbe abusato di lui. “All’inizio non erano così evidenti questi suo scopi secondari”, ha rivelato, sebbene ci fossero stati dei segnali e dei tentativi di contatto. “Io lo trattavo come se fosse mio papà”, ha aggiunto il 34enne. Dopo poco, il Don si trasferisce in Italia, in Molise e da lì telefona a Jurek invitandolo a seguirlo e promettendogli di farlo studiare. Per la madre rappresenta un’ottima opportunità ed una possibilità per il figlio, che viene così affidato totalmente al Don. I due vivevano sotto lo stesso tetto ma ogni volta che calava il buio, le cose cambiavano: “Si eccitava alla mia presenza, voleva essere baciato in bocca, spesso cercava di mettersi nel mio letto, voleva contatto fisico…”, racconta il giovane che inizialmente dice di non essere stato del tutto consapevole di ciò che accadeva.

JUREK, ABUSATO DAL PRETE A 13 ANNI: L’INCONTRO E LE PAROLE DEL VESCOVO

Quello che per Jurek poteva sembrare qualcosa di normale, quasi una sorta di rapporto padre-figlio, lo stesso comprese ben presto che così non era. Il giovane iniziò a provare fastidio per alcuni atteggiamenti del prete, come quando lo invitava a contare fino a dieci mentre gli metteva le mani sulle parti intime, atteggiamenti che col passare del tempo assunsero quasi il principio del ricatto. “Io la vivevo male, a me piacevano le ragazzine ma lui era estremamente geloso”, racconta a Le Iene. La famiglia di Jurek, nel frattempo, era all’oscuro di tutto in quanto lo stesso provava vergogna a raccontare, a distanza, ciò che accadeva. Quindi il giovane polacco decise di rivolgersi all’ambiente del clero che lui frequentava. Ormai adolescente, preso coscienza degli abusi sessuali che stava subendo dal sacerdote, ne parla con un altro prete specializzato in esorcismo, ma la risposta che riceve è incredibile: “Devi stare in silenzio perché queste cose te le fa vedere il diavolo”. A Jurek non resta che dare ascolto al secondo sacerdote e gli abusi sessuali non si fermano. “Per diversi anni, almeno quando lui non ha perso questo interesse nei miei confronti perché io ero già cresciuto”, ha ammesso. Fino ai 17 anni però le cose sono andate avanti, fino a quando il giovane decide di andare via e cercare di dimenticare tutto, ma nel modo sbagliato. “Ho cercato di curarmi con sostanze come la cocaina e alcol, per dipingermi la realtà in modo artificiale”, ha ammesso. Successivamente sceglie finalmente soluzioni più sane per lasciarsi alle spalle l’incubo, come ad esempio la psicoterapia e la meditazione.

Ma Jurek ha finora raccontato la verità? Una domanda che si sono poste anche Le Iene e per questo, 17 anni dopo, ha deciso di tornare nel piccolo paesino in Molise e parlare con l’uomo che avrebbe abusato di lui per anni. Il confronto tra i due avviene in lingua polacca. Il giovane gli confessa di aver avuto grandi problemi a relazionarsi con gli altri dopo gli anni passati insieme. “Avevo 13 anni quando mi mettevi le mani nelle mutande”, gli ricorda Jurek. Lui non nega ma replica: “Sinceramente sono contento di vederti, credimi. Tu per me eri tutto”. E su quello che accadeva tra i due, il prete ha aggiunto: “A volte nella vita uno può anche sbagliare! Per quegli errori che ho commesso ti chiedo sinceramente scusa. Non sto dicendo che ero un santo!”. Tra le altre cose che il Don faceva, c’era quello di far dormire il giovane con i cani perché questo lo eccitava. Quando Jurek glielo rammenta, lui glissa. E sul loro rapporto insiste: “Ti amavo così… come potevo… ti amavo”, invitandolo a non scavare nel passato, “mettiamoci una pietra sopra. Tu dimentica e io dimentico! Iniziamo a vivere in modo cristiano”. Ora però la paura di Jurek è che possa ripetersi quanto accaduto a lui a qualche altro bambino, in quanto il prete sarebbe costantemente a contatto con piccoli fedeli. Matteo Viviani de Le Iene, quindi, dopo aver conosciuto Jurek ha voluto incontrare il prete che avrebbe abusato di lui, senza ricevere risposta ma limitandosi a commentare: “Qua comanda il vescovo”. Il riferimento è a Mons. Camillo Cibotti, vescovo di Isernia, che da quasi un anno è già al corrente di tutto. Raggiunto da Viviani, Cibotti ha commentato: “Abbiamo iniziato il nostro percorso canonico per accertare la verità”. E su un presunto quanto necessario allontanamento, il vescovo ha detto di non ritenere ciò opportuno, alla luce della correttezza delle sue azioni finora evidenziata. Quindi si è domandata come mai il giovane non ha denunciato prima: “Le opportunità erano tali che avrebbe potuto dire la verità”. Ma in caso di una confessione del Don, “avrebbe tutte le ripercussioni canoniche, quindi sospensione a divinis e giudizio”. A detta del vescovo, un’ammissione di colpevolezza creerebbe anche il rischio che possano esserci state altre vittime. Una ammissione, in realtà, il prete l’ha fatta proprio a Jurek, 17 anni dopo, come documentato da Le Iene.
La vittima difesa dall’Avvocato di Aversa Sergio Cavaliere presidente del movimento” Non abbiate Paura”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 48204 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!