Aversa. Caduta De Cristofaro, Palmiero: “Abbiamo aperto i lucchetti che ci tenevano prigionieri”

E’ ufficiale, poche ore fa mi è stato notificato l’atto propedeutico allo scioglimento del Consiglio comunale. Da oggi anch’io (come altri amici) non sarò più Consigliere comunale. Ciò nonostante, credo di avere il dovere di chiarire alcune cose ai miei concittadini. In questo post non userò mezzi termini, né mi nasconderò dietro il politically correct. Ho fortemente voluto la sfiducia del Sindaco De Cristofaro e me ne assumo ogni responsabilità. Ritengo che quest’ultimo, giorno dopo giorno, abbia portato alla deriva la nostra amata Aversa.  Il primo cittadino aveva inoltre intrapreso nei miei confronti una sorta guerra del tutto personale, portata avanti a colpi di abusi di potere. Chi non ricorda la revoca della delega per la celebrazione dei matrimoni, o peggio ancora, la presidenza della commissione politiche sociali, strappatami in modo del tutto illegittimo? Questi sono solo alcuni degli abusi subiti da un Sindaco al quale abbiamo permesso “Noi” di governare, salvo poi vederci dopo un anno sbattuti fuori dalla maggioranza e così assistere ad un mercato delle vacche durato fino 13 Febbraio 2019, giorno della sfiducia“. Lo dichiara l’ormai ex consigliere comunale in quota Noi Aversani, Carmine Palmiero.

Non voglio dilungarmi, voglio solo dire che in questi 3 anni ho dato tutto me stesso a questa città, mettendo testa e cuore in ogni mia azione con un unico obiettivo: il bene comune.  Mai, dico mai, ho agito per interessi personali e spero con tutto me stesso che questo sia arrivato ad ognuno di voi. Adesso – dice l’esponente di Noi Aversanic’è solo da guardare al domani, con ciascuno di voi sempre al mio fianco a guidare ogni mia azione. Poiché, nonostante tutto, io credo ancora fermamente che qualcosa in questa città possa cambiare, che le solite oligarchie che detengono il potere da decenni, oggi più che mai debbano fare i conti con una nuova e consapevole coscienza civica. Troppe volte ci è stata negata la libertà di parola e la libertà di agire, in nome di un tornaconto politico che ha solo nuociuto alla nostra città. E’ ora di liberarci da tutte le briglie che ci hanno tenuto fermi, aprendo, finalmente, tutti i ‘lucchetti’ che ci tenevano prigionieri. Alziamoci per rialzare Aversa“.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 46654 posts and counting.See all posts by admin

Translate »
error: Contenuto Protetto!