Triste Natale per i lavoratori APU di Lusciano: ancora senza stipendio

Triste Natale per i lavoratori che hanno aderito al progetto Apu (Attività di pubblica utilità) del Comune di Lusciano. “È da cinque mesi che venti persone, con relative famiglie, attendono il pagamento degli ultimi due stipendi. Da febbraio ad inizio agosto lavoratori Apu hanno dimostrato professionalità e competenza, coprendo servizi essenziali per i cittadini, dalla manutenzione di strade e scuole, al giardinaggio, dalle attività negli uffici e nella biblioteca comunale, ai lavori in occasione di manifestazioni sportive e culturali. Hanno ricevuto pubblici elogi da tutti, a partire dal Sindaco. Purtroppo gli elogi non portano il pane in tavola, se non sono seguiti da atti concreti”. E’ quanto fanno sapere i lavoratori APU del Comune di Lusciano.

“E gli atti concreti, al Comune di Lusciano, sono stati ben pochi. Se è vero che i soldi devono arrivare dalla Regione Campania, le cui responsabilità sono enormi, è altrettanto vero che per sei mesi i lavoratori Apu hanno dato tutto loro stessi all’ente locale, facendo fare bella figura all’Amministrazione in carica e ai responsabili degli uffici nei quali erano dislocati. È stato il Comune di Lusciano il datore di lavoro di queste persone ed è il Comune di Lusciano che deve risolvere l’incresciosa situazione a cui si è giunti. Non può trincerarsi dietro il paravento dei ritardi della Regione, giocando a scarica barile sulla pelle di venti famiglie. In questi mesi i lavoratori hanno dovuto combattere contro le perdite di tempo della macchina burocratico-amministrativa comunale, che ha ritardato l’inoltro alla Regione della documentazione inerente i progetti Apu. I motivi dell’ingiustificabile rinvio erano sempre da addebitare ad un documento che non si trovava, ad un altro che bisognava firmare all’ultimo istante o alla perdita della password utile per entrare nel sistema informatico delle Regione. Ora che la documentazione è stata finalmente inviata, ci pensa Palazzo Santa Lucia a far allungare ancora di più di tempi, spostando la gestione della pratica dagli uffici del Centro Direzionale di Napoli a quelli del Settore tecnico amministrativo provinciale di Caserta. È urgente, quindi, che il Comune di Lusciano intervenga in prima persona, anticipando i soldi che spettano ai lavoratori Apu, così come hanno fatto alcuni enti locali, ad esempio Cesa e Frignano. Addirittura il Comune di Napoli, sull’orlo del dissesto finanziario, è riuscito a trovare i soldi necessari. Se lo ha fatto Napoli, lo può fare anche Lusciano. Sollecitati in tal senso, tutti gli attori istituzionali della cittadina dell’Agro aversano non hanno dato segni di vita. Dal Sindaco, agli assessori, dai consiglieri comunali di maggioranza, a quelli di opposizione, nessuno si è adoperato affinché i lavoratori Apu passino un Natale sereno, insieme alle proprie famiglie. Come dovrebbe essere per tutti”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta

Redazione

Per info e comunicati: redazione@larampa.it | larampa@live.it

admin has 52546 posts and counting.See all posts by admin

error: Contenuto Protetto!